Carlo Goldoni
Le morbinose

ATTO PRIMO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

Siora Marinetta, poi Tonina che torna.

 

MARINETTA:

Tonina me vol ben, ghe vôi ben anca mi.

Per questo, poverazza, la me loda cussì.

Da resto, no son orba vedo, cognosso e so

Senza presumer gnente, quel che gh'ho e che no gh'ho.

TONINA:

Sala chi xe?

MARINETTA:

Chi xe?

TONINA:

Siora Felice.

MARINETTA:

Eh via.

A st'ora?

TONINA:

Cossa dìsela? A st'ora la vien via.

MARINETTA:

Che la vegna. Sentì. Sbattè la cioccolata.

TONINA:

Bisogna che la fazza no ghe ne xe de fata.

Ghe ne giera do chiccare, e la se l'ha bevua

Tutta quanta za un poco quella vecchia monzua. (Parte.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License