Carlo Goldoni
Le morbinose

ATTO PRIMO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Siora Felice, poi Tonina.

 

FELICE:

Certo che Marinetta la xe una cara mata.

Vôi che se la godemo.

TONINA:

Vorla la cioccolata?

FELICE:

Sì ben, cussì de drento me scalderò un pochetto.

TONINA:

La prego a perdonar, cossa fa sior Zanetto?

FELICE:

Mio marìo?

TONINA:

Siora sì. Stalo ben?

FELICE:

El sta ben.

Lo cognosseu?

TONINA:

No vorla? xe un pezzo che nol vien.

Mo via, che la ghe diga, che el ne vegna a cattar.

El xe el più caro matto, che se possa trovar.

FELICE:

Mio mario xe un bel matto? Brava, ben curiosa.

TONINA:

Digo cussì per dir. Zela fursi zelosa?

FELICE:

Se poderave dar, che avesse zelusia

De qualche altro soggetto, ma de vu no, fia mia.

TONINA:

Certo che de mi no, perché se sa chi son

Daresto...

FELICE:

El vederessimo cascar a tombolon.

TONINA:

Ghe n'è cascà dei altri.

FELICE:

Dasseno?

TONINA:

dasseno.

FELICE:

Vardè. Dalla paura mi stassera no ceno.

TONINA:

La burla a pian, patrona se fusse una de quelle...

Da sior Zanetto Trìgoli ghe n'ho sentio de belle.

FELICE:

Cara vu, feme rider.

TONINA:

Songio la so buffona?

FELICE:

Propriamente ve godo.

TONINA:

Ghe 'l dirò alla parona.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License