Carlo Goldoni
Le morbinose

ATTO PRIMO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Siora Marinetta e Siora Felice.

 

MARINETTA:

Cossa diavolo gh'ala?

FELICE:

Sentì che strambaria

La crede che de ella mi gh'abbia zelusia.

Mio marìo xe un mattazzo, ghe piase de burlar,

E sta sporca la crede de farlo innamorar

Sentì, per causa vostra ho sopportà e ridesto.

L'ho trattada da matta, no gh'ho badà daresto...

MARINETTA:

Cara vu, compatila. Orsù, ho fatto pulito.

Ma che boccon de lettera che a Ferdinando ho scritto!

Ma perché el mio carattere no dasse qualche indizio,

Ho fatto che sior'àmia me fazza sto servizio.

Ella che me vuol ben, senza difficoltà

La m'ha scritto la lettera, come mi gh'ho dettà.

Se sentissi che roba! che amori, che parole!

M'impegno, col la leze, el va in acqua de viole.

E per meggio burlarlo, sentì quel che ho pensà:

Gh'ho scritto che l'incognita in maschera anderà

E acciò che el la cognossa senza nissun sospetto,

La gh'averà un galan color de riosa al petto.

Femo cussì, Felice, per farlo taroccar

Con un galan compagno andemo a spazzizar.

Veli qua tutti do. Pontémoseli al sen.

Vôi che femo la scena, come che va.

FELICE:

Sì ben.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License