Carlo Goldoni
Le morbinose

ATTO PRIMO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Siora Lucietta, siora Bettina e dette.

 

LUCIETTA:

Ghe xe nissun?

FELICE:

Sentì. (A Marinetta.)

MARINETTA:

O per diana de dia,

Xe qua siora Lucietta co Bettina so fia.

FELICE:

Mo za, la fia e la mare tutto el zorno a rondon.

MARINETTA:

Vegnì avanti, Lucietta.

FELICE:

E sì no le par bon.

LUCIETTA:

Patrona. (A Marinetta.)

MARINETTA:

Oh oh patrone. Che bon vento?

BETTINA:

Patrona. (A Marinetta.)

MARINETTA:

Patrona, fia. (A Bettina.)

FELICE:

Patrone. (A Lucietta e Bettina.)

LUCIETTA:

Oh qua la xe? Patrona. (A Felice.)

MARINETTA:

in maschera a bon'ora.

LUCIETTA:

Cossa diseu? mia fia

La dise che debotto el carneval va via.

St'anno el xe tanto curto...

BETTINA:

L'è debotto fenio.

Se no se ne tolemo...

LUCIETTA:

E mi ghe vago drio.

MARINETTA:

Sentève.

BETTINA:

Eh, no son stracca.

FELICE:

Avè tanto ballà.

BETTINA:

Ballerave anca adesso.

LUCIETTA:

Via, sentémose un fià. (Siede.)

BETTINA:

Stassera ghe tornémio?

MARINETTA:

Nualtre ghe tornemo.

BETTINA:

La diga, siora mare, nu gh'anderémio?

LUCIETTA:

Andemo.

Mi savè che no ballo, ma me deverto assae.

Quante scene giersera che ho viste e che ho notae!

FELICE:

Mo za chi no fa gnente, nota tutte le cazze.

LUCIETTA:

Cossa diseu de Beppa? Ah? mo che gran cossazze!

Che abiti! che zoggie! Come diavolo fala?

BETTINA:

E con tutti i so abiti, mo co mal che la bala!

LUCIETTA:

Cara ti, cossa serve? se no la bala ben,

La fa meggio le carte con chi va e con chi vien.

MARINETTA:

Mi la me stomegava con quei so complimenti.

FELICE:

E pur, co la parlava, tutti ghe stava attenti.

LUCIETTA:

Mo no fala da rider? Vardè come la fa.

Sior Conte, devotissima. La se comoda qua.

Son un poco stracchetta ballerò adessadesso.

La me tegna sta véntola. Grazie, con so permesso.

MARINETTA:

Brava, brava, Lucietta l'imitè a perfezion.

FELICE:

E Lugrezia Malsesto che stava in quel canton?

LUCIETTA:

Mo quella... la gh'aveva... basta, za me capì.

Saverè, Marinetta.

MARINETTA:

Mel voleu dir a mi?

So tutto...

BETTINA:

De Lugrezia che novità ghe xe?

Se marìdela fursi?

LUCIETTA:

Via, via, vu no gh'intrè.

Ghe giera... (Piano a Marinetta.)

MARINETTA:

Quell'amigo. (Piano a Lucietta.)

FELICE:

Contème. (Piano a Lucietta.)

:

Quel marzer. (Piano a Felice.)

FELICE:

La vorlo tor? (Piano a Lucietta.)

LUCIETTA:

Seu matta? se el gh'ha un'altra muggier. (Piano a Felice.)

FELICE:

Cossa che me contè!

BETTINA:

Siora mare, vien tardi.

LUCIETTA:

Cossa vol dir, patrone, quei galanetti sguardi?

MARINETTA:

I xe all'ultima moda. Ghe ne voleu?

LUCIETTA:

Mi sì.

MARINETTA:

Ve ne posso dar uno.

BETTINA:

Siora Marina, e mi?

MARINETTA:

Uno anca a vu, sì ben.

FELICE:

Oe digo, Marinetta... (Le fa un cenno.)

MARINETTA:

Eh sì, sì, v'ho capìo lasso che le se i metta

LUCIETTA:

Cara siora Felice, cossa gh'aveu paura?

BETTINA:

No me par che sta moda la sia una cargadura.

Un poco de galan...

FELICE:

Cossa m'importa a mi?

LUCIETTA:

Se le lo porta elle, el se convien più a ti.

MARINETTA:

Sì ben, tutte d'accordo. Me vago a inmascherar.

Parecchio el galanetto, e vel vegno a portar.

FELICE:

Oe, sentì, Marinetta...

MARINETTA:

(So quel che volè dir.

Lassème far a mi, che me vôi devertir). (Parte.)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License