Carlo Goldoni
Le morbinose

ATTO PRIMO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Siora Felice, siora Lucietta e siora Bettina.

 

FELICE:

(Sì, sì, de Marinetta capisso l'intenzion.

Ma no vorria che in tante se fasse confusion.

Elle no le sa gnente).

BETTINA:

La diga, xela andada

Gnancora alla commedia?

FELICE:

Sì ben, che ghe son stada.

LUCIETTA:

Che commedia aveu visto?

FELICE:

No so, non ho capio.

So che no la m'ha piasso, e per questo ho dormio.

BETTINA:

Non la giera da rider?

FELICE:

Gnente, fia mia, ma gnente.

Mi no so come diavolo ghe fusse tanta zente.

No se sentiva altro che a zemer e a criar

Diavoli co la barba, che fava inspiritar.

M'ha fatto un imbriago rider un pochettin.

Ma mi za no gh'ho gusto, co no ghTruffaldin.

BETTINA:

E mi son stada a quella de quei do brutti nasi.

No la m'ha piasso un bezzo.

LUCIETTA:

Se in palco no ti tasi!

Come t'ala da piàser, se ti fa sempre chiasso?

BETTINA:

Mi, siora, alla commedia vago per aver spasso.

Cossa m'importa a mi, che i altri diga evviva?

Mi, co no rido assae, digo che l'è cattiva.

LUCIETTA:

Ti ha pur ridesto a quella delle contradizion.

BETTINA:

Mo se ho ridesto a quella, ho abù le mie rason.

Sentindo a contradir le cosse cussì chiare,

Me pareva sentir sior pare e siora mare.

LUCIETTA:

Varè che frascona! cussì ti parli? e ti

No ti sa contradir?

BETTINA:

Rideva anche de mi.

FELICE:

Certo l'ho sentìo a dir; tutti i nostri difetti

I li mette in teatro. Vardè che maledetti!

LUCIETTA:

Sì ben, co la commedia del Ricco insidiato,

Che diavolo no hai dito, che diavolo no hai fato?

Basta, me xe stà dito de una mare e una fia...

Che no i me tocca mi, che per diana de dia...

Manco mal che l'ha abù poco applauso. So danno.

BETTINA:

Però i ha fatto ben i comici sto anno.

I ha fatto ressaltar le Vedoe spiritose.

FELICE:

Stago a véder che i fazza le Donne morbinose

Se i la fa, vôi che andemo, e se i ne tocca nu,

Voggio che i ne la paga, e che ghe femo bu.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License