Carlo Goldoni
Le morbinose

ATTO TERZO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Marinetta, siora Felice e detti.

 

MARINETTA:

Bon pro fazza, patroni. Se disna, o se marenda?

FELICE:

Sior marìo, come vala? cosa xe sta faccenda?

ZANETTO:

Se no fussimo qua, qualcossa ve dirave.

No ve basta de andar, me portè via le chiave?

FELICE:

Vardè che gran faccenda! Oh povero putello!

La mamma è andada via senza darghe el cestello.

ZANETTO:

La me burla, patrona? (S’alza.)

MARINETTA:

Vu burlè sior Zanetto?

Se tase, e a so marìo se ghe porta respetto.

El xe un omo, e coi omeni no se tratta cussì,

E no se va a ziron tutta la notte e el .

Mi ghe conterò tutto. Sentì, sior, vegnì qua. (Mostra di gridare a Felice, e fa che si accosti Zanetto, a cui dice piano:)

(Netteve, che sporco i lavri da stuffà).

ZANETTO

(va a pulirsi la bocca).

FELICE:

Mo ti xe una gran matta! (A Marinetta, ridendo.)

MARINETTA:

Gh'astu paura? (A Felice.)

FELICE:

Gnente. (A Marinetta.)

ZANETTO:

Sta vita no la voggio certo assolutamente.

MARINETTA:

El gh'ha rason, sta vita no la se pol durar.

Vu tutto el zorno a spasso, e ello in casa a scassar?

Siora no, no va ben se ghe dise cussì:

Marìo, se me diverto, divertite anca ti.

Vustu vegnir a spasso, vustu che se godemo?

Mettite su el tabarro, tiò la bauta e andemo.

Quando ti vien con mi, ti me consoli tanto.

Ma po, se no ti vol, vissere mie, t'impianto.

ZANETTO:

Brava, siora Marina, brava da galantomo.

FELICE:

Eh, mio marìo xe bon.

MARINETTA:

Vostro marìo xe un omo.

FELICE:

Vederè che stassera el vegnirà al festin.

MARINETTA:

Chi xelo? un taggialegne? xelo un spazzacamin?

FELICE:

El me vol ben Zanetto.

MARINETTA:

Caspita, el meritè.

FELICE:

Nevvero? (A Zanetto.)

MARINETTA:

Respondèghe. (A Zanetto.)

ZANETTO:

Gran diavolo che ! (In atto di partire.)

FELICE:

Andèu via co sto sesto?

MARINETTA:

El se va a inmascherar.

FELICE:

Oe, mi no vegno a casa.

MARINETTA:

La sta con mi a disnar.

FELICE:

Che staga? (A Zanetto.)

ZANETTO:

Siorastè pur.

FELICE:

Grazie infenite.

MARINETTA:

Ve ringrazio anca mi.

ZANETTO:

Patrone, reverite. (In atto di partire.)

FELICE:

Tolè, tolè le chiave.

ZANETTO:

Siora sì, siora sì.

FELICE:

Xestu in collera, Nane?

ZANETTO:

Son... no so gnanca mi. (Parte.)

MARINETTA:

Xelo andà?

FELICE:

El xe andà.

MARINETTA:

A bon viazo, mastella.

FELICE:

M'avè fatto da rider.

MARINETTA:

Se fa cussì, sorella.

Cossa serve coi omeni criar e far musoni?

Quando che no se cria, i deventa più boni.

BORTOLO:

(Sta putta no se vede). (Da sé.) Digo, siora Marina,

Me saverìela dir...

MARINETTA:

Cossa cercheu? Bettina?

BORTOLO:

Giusto ella.

MARINETTA:

Disè, no savè gnente?

BORTOLO:

Cossa?

MARINETTA:

No savè de Bettina? Oh, la l'ha fatta grossa.

BORTOLO:

La diga mo.

MARINETTA:

Contèghe. (A Felice.)

FELICE:

Cossa gh'oi da contar?

MARINETTA:

(Inventemo qualcossa fémolo desperar). (Piano a Felice.)

BORTOLO:

Me fe star in travaggio.

MARINETTA:

Se savessi!

BORTOLO:

Mo via.

MARINETTA:

La se sposa...

BORTOLO:

Con chi?

MARINETTA:

Con mistro Zamaria.

BORTOLO:

Chi èlo costù?

MARINETTA:

El xe un omo. Felice lo cognosse.

FELICE:

El xe quello che vende dell'acqua per la tosse.

BORTOLO:

Dove stalo?

FELICE:

A Venezia.

BORTOLO:

Ma dove?

MARINETTA:

In cao Castello.

Altro che vu, sior Bortolo; se vedessi co bello!

BORTOLO:

Dove xela Bettina?

MARINETTA:

La xe dal so novizzo.

FELICE:

No, la xe dal compare.

BORTOLO:

Chi èlo?

FELICE:

El Conte Pastizzo.

BORTOLO:

Patrone.

MARINETTA:

Dove andèu?

FELICE:

Sentì.

BORTOLO:

Voggio andar via.

Voggio che el me la paga.

MARINETTA:

Chi? Mistro Zamaria?

BORTOLO:

Giusto ello. (In atto di partire.)

MARINETTA:

Fermeve. (Lo vuol trattenere.)

BORTOLO:

Voggio andar via. (Come sopra.)

MARINETTA:

Ascoltène. (Lo fermano.)

BORTOLO:

Lassème andar. (Si scuote.)

MARINETTA:

Tegnimolo.

BORTOLO:

Gnanca co le caene. (Si libera dalle donne, e nel fuggir via urta nel tavolino e lo getta in terra, e fa caderte anche il signor Luca.)

LUCA:

Cossa xe stà? (In terra.)

MARINETTA:

Sior padre? (Lo aiuta ad alzarsi.)

LUCA:

Oi. (Alzandosi.)

MARINETTA:

S'alo fatto mal?

LUCA:

Come?

MARINETTA:

S'alo maccà?

LUCA:

Cossa?

FELICE:

(Mo che coccal!) (Da sé.)

LUCA:

Ho magnà un pochettin, m'aveva indormenzà.

Disème, cara fia, come songio cascà?

MARINETTA:

El xe stà un accidente.

LUCA:

Cossa?

MARINETTA:

El gatto xe stà. (Forte.)

LUCA:

El gatto? O malignazo! alo magnà el stuffà?

Chi èla questa? (Accenna Felice.)

FELICE:

Son mi.

LUCA:

Siora?

FELICE:

El sa pur chi son.

LUCA:

Malignazo quel gatto m'ho indolentrà un galon.

Voggio andarme a sentar; a star in piè me stracco.

Fia mia, mandème subito a tor un taccomacco.

Cossa? (A Felice.)

FELICE:

No digo gnente. (Sogghignando.)

LUCA:

Come? (A Marinetta.)

MARINETTA:

Digo de sì. (Sogghignando.)

LUCA:

Ridè? Co se xe vecchi, i ne tratta cussì.

Me diol, e ancora i ride. Se vivesse to mare!

Senti sa, frasconazza, no scoffonar to pare.

Siora? (A Felice.)

FELICE:

Per mi no parlo.

LUCA:

Vardè che bel sesto!

Anca vu sarè vecchie, se no creperè presto.

I omeni anca vecchi i è boni da qualcossa.

La donna l'ha fenio, co la xe vecchia e flossa. (Parte.)

FELICE:

Oh che caro vecchietto! no ghe respondè gnente? (A Marinetta.)

MARINETTA:

Cossa gh'oi da responder? Savè che nol ghe sente.

FELICE:

E quel povero Bortolo?

MARINETTA:

Povero fantolin!

FELICE:

Perché farlo zurlar?

MARINETTA:

No saveu? per morbin.

FELICE:

El xe fora de élo, gramazzo! el xe ben grezo.

MARINETTA:

El crede a ste faloppe, se pol sentir de pezo?

Oh sior'àmia, sior'àmia.

FELICE:

In maschera anca éla?

MARINETTA:

Oe, co sior Ferdinando.

FELICE:

Marina, come xéla?

MARINETTA:

Scondémo sti galani.

FELICE:

Sì, che nol ne cognossa.

MARINETTA:

Mia àmia col foresto?

FELICE:

No saveria per cossa.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License