Carlo Goldoni
Le morbinose

ATTO QUARTO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

Felice, poi Marinetta.

 

FELICE:

La crede mo custìa de farme magnar l'aggio.

So chi el xe mio marìo, de lu no gh'ho travaggio.

Ma se gnente vedesse che lal mettesse suso,

Oh, no la sa chi sia, ghe sgraffarave el muso.

MARINETTA:

Cossa feu qua, Felice?

FELICE:

Dove xelo l'amigo?

MARINETTA:

El xe de . Fia cara, son in t'un brutto intrigo.

FELICE:

Cossa vol dir?

MARINETTA:

Per mi so che avè dell'amor.

Voggio contarve tutto, vôi palesarve el cuor.

FELICE:

Anca sì che indovino?

MARINETTA:

Via mo.

FELICE:

innamorada.

MARINETTA:

Poco manco, sorella.

FELICE:

Vardè che gran cazzada!

E per questo? No seu da maridar?

MARINETTA:

Xe vero,

Ma no se sa chi el sia.

FELICE:

Se saverà, mi spero.

MARINETTA:

Se savessi, Felice, come che stago!

FELICE:

Oh via,

Fareu che per amor se perda l'allegria?

No se pol voler ben, e star allegramente?

No me stè a far la matta. Tendème a mi.

MARINETTA:

Vien zente.

FELICE:

Mi, mi scoverzirò...

MARINETTA:

Mascare? chi mai xele?

FELICE:

A sta ora do mascare vestìe da ortolanele?

MARINETTA:

Stimo che le vien via senza gnanca parlar.

FELICE:

Démoghe poche chiaccole; xe ora de disnar.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License