Carlo Goldoni
Le morbinose

ATTO QUARTO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Ferdinando e dette.

 

FERDINANDO:

(vedendo le due ortolanelle, resta in disparte.)

LUCIETTA:

Digo la verità

Nol gh'ha sior Ferdinando gnente de civiltà.

BETTINA:

La gh'ha rason mia mare.

FELICE:

Mo perché, poverazzo?

BETTINA:

Perché nol sa el trattar.

LUCIETTA:

El xe proprio un boazzo.

MARINETTA:

V'alo fatto qualcossa?

FELICE:

(Oh che gusto! El le sente). (Avendo veduto Ferdinando.)

Disè, disè, contène.

LUCIETTA:

No, nol m'ha fatto gnente.

FELICE:

Ma pur?

MARINETTA:

Siora Lucietta, quando lo strapazzè,

Co disè tanto mal, qualche rason ghe xe.

FELICE:

I dise pur che el sia un signor da Milan.

LUCIETTA:

Oh oh, un signor! Chi sa che nol sia un zaratan?

MARINETTA:

E pur a vostra fia el gh'ha un aneletto.

LUCIETTA:

Dasseno! Chi l'ha ditto? Vardè che bel soggetto!

MARINETTA:

Perché torlo?

BETTINA:

Nol val gnanca diese ducati.

LUCIETTA:

I crede mo sti siori... Va ! poveri matti!

Se mia fia ghe tendesse, la perderia el concetto.

FERDINANDO:

Grazie delle finezze.

LUCIETTA:

(Oh siestu maledetto!)

BETTINA:

(Alo sentìo.) (A Lucietta.)

MARINETTA:

(Gh'ho a caro).

LUCIETTA:

Perché no alo tasésto?

Bisognava star , che l'averia godesto.

Lo savévimo tutte che el giera in quel canton.

L'ho visto, me n'ho incorto, col xe vegnù in scondon.

E ho ditto quel che ho ditto per far vogar Marina.

Ho volesto far scena. No xe vero, Bettina?

BETTINA:

Siora sì.

FELICE:

(Oh che galiotta!)

MARINETTA:

Voltè quella brisiola.

FERDINANDO:

Sì, anch'io vi ho conosciuto colla vostra figliuola,

Questa mattina in maschera in foggia differente,

E ho detto quel che ho detto sincerissimamente.

LUCIETTA:

Dasseno?

FERDINANDO:

In verità.

LUCIETTA:

Da cavalier, la godo.

FERDINANDO:

Piacciono i begli spiriti ancora a me, sul sodo.

FELICE:

A monte, a monte tutto ànemo, cossa femio?

Me sento a sgangolir. Magnémio o no magnémio?

MARINETTA:

Andè a avvisar sior'àmia. (Ad un Servitore.)

FELICE:

Me balla le buèle.

MARINETTA:

No se ghe vede più. Impizzè le candele. (Ad un Servitore.)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License