Carlo Goldoni
Le morbinose

ATTO QUINTO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Zanetto e detti.

 

ZANETTO:

Forti, siora Marina, e stè sull'onor mio.

Questo, ghel digo in fazza, xe un ottimo partio.

Senza difficoltà podè sposarlo in pase,

El xe un bon cittadin, che gh'ha poderi e case

El xe un bon Milanese. Un omo cognossù.

Galantomo, onorato no se pol far de più.

FERDINANDO:

Signor, la bontà vostra per verità mi onora.

FELICE:

Aveu sentìo, Marina? seu contenta gnancora?

MARINETTA:

Adesso me vergogno de no averghe credesto.

FERDINANDO:

Ah no, in simili casi il sincerarsi è onesto.

Se fossi un impostore, scoprirmi avrei temuto

Un galantuom desidera di essere conosciuto.

TONINA:

Oh sior, la mia patrona la sa quel che la fa.

Se la va via, la diga, me lasserala qua?

MARINETTA:

Ti vegnirà con mi tasi, che tel prometto.

TONINA:

Me despiaserà un poco de lassar sior Zanetto.

Ma cussì so muggier no la sarà zelosa.

FELICE:

Séntela, sior marìo? Xela la so morosa?

ZANETTO:

Cossa ghe salta in testa? Ghe lo digo sul muso,

No ghe ne dago un bezzo.

FELICE:

Cossa diseu? tiò suso. (A Tonino.)

TONINA:

Sì ben, sì ben, sti siori, lo so quel che i sa far:

I ghe tende alle donne, co ghe xe da magnar.

FELICE:

Frascona, mio marìo gh'ha da magnar a casa.

TONINA:

Cossa vienlo a marenda?

FELICE:

Disèghe che la tasa, (a Marinetta:)

Che debotto debotto...

TONINA:

Cossa ghe xe de niovo?

FELICE:

E vu stè a casa vostra no andè a magnar, sior lovo. (A Zanetto.)

MARINETTA:

Tonina, abbi giudizio.

TONINA:

Ma se...

MARINETTA:

Va via de qua.

TONINA:

Ghe domando perdon. (A Felice.)

FELICE:

Via via, v'ho perdonà.

Perdonèghe anca vu; no femo che custìa

Ne rompa sul più bello la pase e l'allegria.

MARINETTA:

Vien sior'àmia e sior pare.

FELICE:

Adesso vien el bon.

Lassè che parla mi, no stè a far confusion.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License