Carlo Goldoni
I morbinosi

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA   Fondamenta della Zuecca colla veduta del Canale   Sior Felippo e sior Andreetta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO PRIMO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Fondamenta della Zuecca colla veduta del Canale

 

Sior Felippo e sior Andreetta

 

AND.

Cossa diseu, compare? aveu mai più sentio,

Che s'abia un'altra fraggia come la nostra unio?

Ste sorte de spasseti pochi li sa trovar;

Cento e vinti compagni saremo a sto disnar.

FEL.

Cento e vinti compagni unii così a la presta;

No ghe voleva altro, che quela bona testa.

Come quel nostro amigo, no ghe ne xe nissun.

E quelo che più stimo, a un ducato per un.

No se pol spender manco.

AND.

Ve digo ben, ve digo,

Che el nostro sior Lunardo s'ha tolto un bel intrigo.

FEL.

El xe un omo de garbo; el farà de pulito;

No v'indubitè gnente so quelo che el m'ha dito.

E po co no ghdone, se sta come se puol.

Ma co ghe xe carpete, le vol quel che le vol.

AND.

Disè ben, sior Felippo, ghmanco sugizion;

Ma le done in sti casi, credeme, le par bon.

Mi me contenterave de star anca a dezun,

Se gh'avessimo tuti una dona per un.

FEL.

Che diavolo diseu? cento e vinti sotane?

No se sentiria gnanca a sonar le campane.

A unir tute ste done el saria stà un stramboto;

I diria a la Zuecca, che ghe xe el taramoto.

AND.

Via, se no cento e vinti, almanco una trentina.

FEL.

Pezo, caro Andreetta; ti è mato sta matina.

Tuti arente de lori vorave i più bei grugni:

Se farave regata; se se daria dei pugni.

AND.

No digo che le fusse done da strapazzar.

Le muggier, le cugnae se poderia menar.

Staressimo più aliegri.

FEL.

No, xe meggio cussì.

In compagnia le done le me piase anca a mi;

Ma saressimo tropi.

AND.

Eh t'ho inteso, baron.

Le te piase le done, co ti le gh'ha in scondon.

FEL.

No tanto co fa ti; ma poco manco.

AND.

Orsù,

Ancuo no ghremedio, no ghe pensemo più.

Sémio deboto uniti? Che ghe ne manca assae?

FEL.

Ho visto fin adesso, dopo de mi arivae

Disdoto o vinti gondole.

AND.

Dove xeli sti siori?

Andemose un pocheto a devertir con lori.

FEL.

Ho visto che diversi i s'ha messo a zogar.

Ghe n'ho visto dei altri per orto a spazzizar.

Qualchedun s'ha liogà in ste case vicine,

A devertir un poco ste bele Zuecchine.

AND.

Voggio andar anca mi.

FEL.

Ma va , che ti è belo.

Ti xe sempre in borezzo, e no ti xe un putelo.

Quando fastu giudizio? Me par che saria ora.

Ti xe deboto nono, e ti fa el mato ancora?

AND.

Del nono e de la nona mi no me togo affani,

Me par giusto de esser ancora de vint'ani.

E se restasse zovene, me sposeria doman,

Ma ti de casa mia ti staressi lontan.

FEL.

Ti ha rason... Una gondola.

AND.

Vienla da nu?

FEL.

Me par.

AND.

Chi ghdrento?

FEL.

No so.

AND.

Vardemo a desmontar.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License