Carlo Goldoni
I morbinosi

ATTO PRIMO

SCENA SECONDA   Arriva una gondola, dalla quale sbarca sior Giacometto.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Arriva una gondola, dalla quale sbarca sior Giacometto.

 

AND.

Oe; xe qua Giacometto. (a Felippo)

FEL.

Bravo, compare, bravo. (a Giacometto)

GIA.

Ve saludo, Felippo. Schiavo, Andreetta, schiavo.

Sémio deboto tuti?

AND.

Tuti gnancora no.

Ghe ne manca dei altri.

FEL.

Andeve a cavar zo.

GIA.

Sior Lunardo ghe xelo?

FEL.

Se lo volè trovar,

Lo troverè in cusina.

GIA.

In cusina? a che far?

FEL.

No saveu, poverazzo? el xe tanto impegnà,

Che el vol esser per tuto a veder quel che i fa.

AND.

Se vedessi che tola, che el ne fa parecchiar!

GIA.

Ma tuti cento e vinti ghe poderemio star?

AND.

Tuti insieme. Gh'è un portego, che el par fabricà a posta,

E vederè un parecchio, che no ghe xe resposta.

Fina i soni gh'avemo.

GIA.

Bela conversazion!

AND.

E quel che se considera, tuto per un lion.

GIA.

Arriva un'altra gondola.

FEL.

Saveu chi ghe sia drento?

AND.

No so, no lo cognosso.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License