Carlo Goldoni
I morbinosi

ATTO PRIMO

SCENA TERZA   Arriva un'altra gondola, con dentro Lelio.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Arriva un'altra gondola, con dentro Lelio.

 

GIA.

El xe guarnio d'arzento.

AND.

El xe quel forestier, che va al caffè del Pomo.

FEL.

Chi l'averà invidà?

AND.

No so da galantomo.

GIA.

Lo saverà Lunardo. Elo gh'ha l'incombenza.

LEL.

Padroni riveriti.

AND.

Ghe fazzo reverenza.

GIA.

Ne vienla a favorir?

AND.

Xela dei nostri?

LEL.

È qui

La compagnia famosa del desinar?

AND.

Sior sì.

LEL.

Anch'io fra i cento e venti ebbi il grazioso invito.

GIA.

Tuta nostra fortuna.

LEL.

Son io il favorito.

Ehi, ci son donne?

FEL.

Oibò.

GIA.

Done no ghe ne xe.

AND.

Mo no xelo un matezzo? (a Lelio)

LEL.

Pare così anche a me.

FEL.

La me creda, signor, staremo meggio assae.

Con tropa morbidezza le vol esser tratae.

Sta cossa ghe fa mal, st'altra no la ghe piase.

Cussì da nostra posta se goderemo in pase.

AND.

La ne fazza l'onor de dirne chi la xe. (a Lelio)

LEL.

Io sono un galantuomo; son cognito al caffè.

Sto vicino alla Piazza. Lelio dal Sol mi chiamo.

Viaggio per divertirmi, e l'allegria sol bramo.

GIA.

Bravo; cussì me piase.

FEL.

Viva pur l'allegria.

AND.

Un zorno malinconico no son stà in vita mia.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License