Carlo Goldoni
I morbinosi

ATTO PRIMO

SCENA SESTA   Anzoletta, Betta e Catte zuecchine.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Anzoletta, Betta e Catte zuecchine.

 

ANZ.

Pute, cossa diseu de sta bela matada?

BET.

Cossa mai xe sta cossa? gran zente xe arrivada.

CAT.

Ghe xe qualche novizza?

ANZ.

Oibò.

CAT.

Ho sentio i soni.

ANZ.

I vol magnar coi piffari.

CAT.

Mo vardè che matoni!

BET.

Figureve che roba che i gh'averà a disnar.

Pute, pute, diseme. Che li andémo a spionar?

CAT.

Del disnar no ghe penso. Mi gh'ho gusto co i sona.

BET.

E quei boni bocconi? Oh povera minchiona! (parte)

Figureve che torte! a mi no me ne toca.

Me sento propriamente che me vien l'acqua in boca.

CAT.

Se andessimo de su, no i ne daria qualcossa?

ANZ.

Sì ben! andè dessuso! l'avè ben dita grossa.

Sti siori veneziani subito i vol licar.

BET.

Cossa gh'aveu paura, che i ve voggia magnar?

ANZ.

E po, se no i vol done!

BET.

Oh poveri putei,

Se gh'andessimo nu, i se licherave i dei.

ANZ.

Mi no ghe vado certo.

CAT.

Oh gnanca mi, sorela.

ANZ.

I sarà più de cento.

BET.

Aseo!

CAT.

Una bagatela!

BET.

Se ghe ne cognossesse almanco qualchedun,

No vorave seguro che stessimo a dezun.

ANZ.

Ghe ne cognosso tanti. Ghe xe sior Giacometo.

CAT.

Quel che vien qua la festa?

ANZ.

Sì ben, quel picoleto.

CAT.

Una volta el voleva sempre parlar con mi.

Ma Toni xe andà in colera, e no ghe parlo pi.

BET.

Cossa gh'astu paura?

CAT.

Se el savesse che parlo,

Povereta mai mi; no, no vôi disgustarlo.

BET.

Te pòrtelo mai gnente?

CAT.

Co el ghe n'ha, poverazzo,

El me compra dei fiori, squasi ogni festa un mazzo.

BET.

Vardè che gran cazzada!

CAT.

Cossa m'alo da dar?

BET.

Mi, co fava l'amor, voleva da magnar.

Tuto me comodava, nose, pomi, zaleti,

Ma co no i dava gnente, musoni maledeti.

ANZ.

Mi mo son sempre stada de un'altra qualità:

Co ghe n'ho bu, ai morosi mi ghe n'ho sempre .

Mio sior pare a l'ingrosso el fava provision,

E mi sempre qualcossa portava via in scondon.

M'arecordo una volta mia mare povereta

La m'ha trovà un persuto sconto soto la .

L'ha volesto saver... no so, mi m'ho confuso,

E la m'ha lassà andar una man in tel muso.

BET.

Oh, a mi mo per ste cosse, ve zuro in verità

Che da mia siora mare no me xe mai stà .

In casa mia, sorela, no ghe xe stà vadagni,

Ma non ho mai volesto de quei che scalda i scagni.

CAT.

Oe, vardè, un'altra gondola.

BET.

No i ha fenio gnancora?

ANZ.

No ghe xe miga un omo. Ghdrento una signora.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License