Carlo Goldoni
I morbinosi

ATTO SECONDO

SCENA QUINTA   Giacometto e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Giacometto e detti.

 

GIA.

Cossa feu qua, patroni? andémo, che i ne attende.

OTT.

Cosa dite di Lelio? (accennando Brigida)

GIA.

Roba sóa? (ad Ottavio, accennando Lelio)

OTT.

Ci s'intende.

GIA.

Bravo, compare Lelio. Anca mi scambieria

Cento e vinti compagni per sta tal compagnia.

LEL.

Lo sapete chi è?

GIA.

Mi no.

LEL.

È una contessa.

GIA.

Dasseno?

LEL.

Domandatelo. (a Giacometto, accennando Ottavio)

OTT.

Posso attestar per essa.

GIA.

Cossa fàvela qua sola senza nissun? (a Brigida)

BRI.

Oggio mo i mi interessi da dirli a un per un?

LEL.

Basta che io li sappia.

OTT.

Ed ancor io li so.

GIA.

E a mi gnente, gramazzo.

LEL.

Ed a voi, signor no.

GIA.

Me despiase che a tola done no i ghe ne vol.

Che la vegna; faremo tuto quel che se pol.

BRI.

No no, sior paronzin, ghe son tanto obligada.

Sola con tanti omeni? la xe una baronada.

Me maraveggio gnanca, che el me la vegna a dir.

OTT.

Sentite? vostro danno. (a Giacometto)

GIA.

La prego a compatir.

Ho dito quel che ho dito senza pensarghe su.

Dopo d'aver disnà, vegniremo qua nu.

OTT.

Ma, signor Giacometto, così non si favella,

Lelio è il sol possessore del cuor di questa bella.

Egli non vuol nessuno, lo so di certa scienza,

E di venirvi, al più, avrò io la licenza.

LEL.

Né anche a voi nol concedo. (a Ottavio)

GIA.

Sentìu? (ad Ottavio)

OTT.

Perché tal cosa? (a Lelio)

Possibil che per me siate così ritrosa? (a Brigida)

Non volete ch'io venga? siete crudel così? (a Brigida)

BRI.

Che el vegna pur.

GIA.

Sentìu? vôi vegnir anca mi. (a Lelio)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License