Carlo Goldoni
I morbinosi

ATTO SECONDO

SCENA SETTIMA   Felippo e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Felippo e detti.

 

FEL.

Via, no ve fe aspetar. I ha messo suso i risi.

Cossa vien qua ste femene per intrigarne i bisi?

BRI.

Quel sior la civiltà nol l'ha imparada tropo.

OTT.

Colle donne, signora, Filippo è misantropo.

BRI.

Nol par mai venezian.

FEL.

Son venezian, patrona.

Né son gnanca de queli taggiadi a la carlona.

Co le done xe bele, antipatia no gh'ho.

Le me piase anca a mi, ma per ancuo, sior no.

LEL.

Non si potria condurla in qualche appartamento?

OTT.

Questo potrebbe farsi.

GIA.

Mi per mi me contento.

FEL.

La diga, cara ela. Chi xela? (a Brigida)

BRI.

Velo qua.

El vol saver chi son.

FEL.

Mo la saria ben bela...

GIA.

V'oi da dir chi la xe? la xe una mia sorela.

FEL.

Se l'è vostra sorela, mi ve digo cussì...

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License