Carlo Goldoni
I morbinosi

ATTO TERZO

SCENA SECONDA   Tonina e Betta nascoste dietro la portiera da una parte, Brigida, Anzoletta e Catte dall'altra, volendo sedere alzano un poco la portiera, ora di qua e ora di là.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Tonina e Betta nascoste dietro la portiera da una parte, Brigida, Anzoletta e Catte dall'altra, volendo sedere alzano un poco la portiera, ora di qua e ora di .

 

GIA.

Oe, ghe xe de le done. (ad Andreetta)

AND.

Zito, che le ghe staga. (a Giacometto)

LEL.

Vi son donne dentro. (ad Ottavio)

OTT.

Davvero? Oh questa è vaga!

FEL.

Cossa gh'è? cossstà? Se vede a bulegar.

Per diana, le xe done che ne vien a spionar.

GIA.

Oe, la xe la Contessa.

AND.

Ghe xe un'altra con ela;

Che la sia to muggier?

GIA.

La sarave ben bela;

La xe montada in barca; l'ho vista mi a montar.

No crederia che ancuo la volesse tornar. (si vedono a muovere le portiere)

FEL.

La xe longa sta istoria. Dove xe sior Lunardo?

Ste done per adesso le ha abù qualche riguardo;

No le pol star in stropa, le vol vegnir de filo.

Adesso no se varda più tanto per sutilo.

El disnar xe fenio, podemo levar su.

Vorle vegnir a rider? Rideremo anca nu. (tutti s'alzano, e partono le parti mute)

GIA.

Bravo, Felippo, bravo.

AND.

Bravo da galantomo.

FEL.

Cossa credeu, patroni? Anca mi son un omo.

Benché son in ti ani, me piase l'alegria,

E me vôi devertir al par de chi se sia.

S'aveva dito: a tola done no ghe sarà.

S'ha mantegnù l'impegno, e no ghe ne xe stà.

Adesso sta pramatica l'ha avù el so compimento;

S'avemo da inventar qualche devertimento.

Parlerò con Lunardo, aspetè qua un tantin;

Vôi che se devertimo, vôi che femo un festin;

Vôi co ste Zuecchine che femo i generosi;

Vôi che i diga a Venezia che semo i morbinosi. (parte)

GIA.

Mi ghe stago.

AND.

Anca mi.

OTT.

Anch'io non mi ritiro.

FEL.

(A servir la Contessa unicamente aspiro). (da sé)

GIA.

Mo via, care patrone, no le fazza babao;

Che le vegna con nu. Le scampa da recao?

LEL.

Queste belle signore patiscono i rossori.

Anderò io da loro, servo di lor signori. (entra dov'è Brigida)

OTT.

(Non lo lascio di vista il caro amico mio;

S'ei si vuol divertire, vo' anch'io). (parte dietro Lelio)

AND.

Lori va per de ; nu andémo per de qua;

Anca per nualtri do qualcossa ghe sarà. (parte)

GIA.

Za che no ghTonina, me togo boniman.

Vôi balar, vôi saltar, magari fin doman. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License