Carlo Goldoni
I morbinosi

ATTO TERZO

SCENA TERZA   Camera.   Brigida e Lelio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Camera.

 

Brigida e Lelio

 

LEL.

Ma via, cara signora, siate meco bonina.

BRI.

Cossa vorlo da mi?

LEL.

Datemi una manina.

BRI.

Co le done civil tratar nol sarà uso.

LEL.

Mi negate una mano? (vuol prenderla)

BRI.

Ghe la darò sul muso.

LEL.

Per aver una grazia da una gentil signora,

Mi contento di prendere una guanciata ancora. (come sopra)

BRI.

Ma la xe un'insolenza.

LEL.

Ma se per voi nel seno

Ardere già mi sento.

BRI.

Ghe la puzo dasseno.

LEL.

Se avete cor, battetemi. (come sopra)

BRI.

Nol sarà miga el primo.

LEL.

Voi di me non curate, ed io tanto vi stimo.

BRI.

Se per mi, caro sior, el gh'ha de la bontà,

Che el scomenza a tratar come che va tratà.

LEL.

Una finezza sola. (accostandosi)

BRI.

Che el staga con respeto.

LEL.

Ma se amor mi tormenta. (come sopra)

BRI.

Deboto ghe la peto.

LEL.

Quella mano gentile male non mi può far.

BRI.

Se sta man xe zentil, ghe la farò provar.

LEL.

Qua nessuno ci vede, qua nessuno ci sente.

Mio tesoro, mio bene, pietà...

BRI.

Sior insolente. (gli uno schiaffo)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License