Carlo Goldoni
I morbinosi

ATTO QUARTO

SCENA QUARTA   Tonina e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Tonina e detti.

 

TON.

Bravo, sior Giacometto. Me piasè in verità.

GIA.

No andada a Venezia?

TON.

Dasseno che son qua.

GIA.

Cara siora Tonina, andemo co le bone.

TON.

Tuto el v'ho da véder a star co ste frascone?

ANZ.

Come pàrlela, siora?

CAT.

Frascone la n'ha dito.

BET.

A nualtre frascone? Cossa crédela?...

GIA.

Zito.

BET.

Chi crédela che siemo?

ANZ.

Semo zente onorata.

CAT.

E no semo de quele.

BET.

E cussì no se trata.

TON.

Co sta bela insolenza se parla a una par mio?

Feme portar respeto: tocca a vu, sior mario.

GIA.

Voleu aver creanza? (alle Zuecchine)

ANZ.

Ela n'ha strapazzà.

GIA.

Se parla con maniera. (a Tonina)

TON.

Mandèle via de qua.

GIA.

Andè via. (alle Zuecchine)

CAT.

Semo in orto, e ghe volemo star.

TON.

Fe che le vaga via. (a Giacometto)

GIA.

Se no le vol andar! (a Tonina, con collera)

TON.

Donca vegnì con mi.

BET.

Vardè che bel mario!

GIA.

Cossa aveu dito?

BET.

Gnente.

CAT.

Andè, corèghe drio.

ANZ.

Povero pampalugo.

TON.

Andémio, o non andémio?

GIA.

(Se ghe vago, i me burla). (da sé)

TON.

Sior mario, cossa femio?

GIA.

(E se no vago, è pezo). (da sé)

TON.

Sì, ve lezo in tel cuor,

Ve cognosso a la ciera, che gh'avè del brusor

Per causa de ste sporche...

BET.

Oh per diana de dia!

CAT.

Coss'è sto strapazzar?

ANZ.

Coss'è sta vilania?

CAT.

Qua no ghe xe sporchezzi.

ANZ.

Ela s'ala insporcà?

BET.

La se vaga a netar...

GIA.

Zito, per carità.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License