Carlo Goldoni
I morbinosi

ATTO QUARTO

SCENA SETTIMA   Toni e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Toni e detti.

 

TONI

Come xela sta storia?

BET.

Gnente, gnente, Tonin.

Semo anca nu con ela, la menémo al festin.

TONI

Cossa gh'intra sto sior?

GIA.

Gh'intro, perché ghe son.

ANZ.

Vardè ben che una puta sola no la par bon.

CAT.

Toni, mi no voleva.

TONI

No voggio tarocar,

No digo che a la festa no ve voggia menar.

E se una puta sola non ha d'andar cussì,

Senza che altri s'incomoda, la vôi compagnar mi. (la prende per mano, e la conduce via)

BET.

No li lassémo soli.

ANZ.

Presto, andémoghe drio.

GIA.

Donca co ste signore farò l'obligo mio. (esibisce la mano a tutte due)

BET.

Grazie. (si fa dar braccio)

ANZ.

Aceto el favor. (si fa dar braccio)

GIA.

Posso dir stali e premi;

E ariverà a la festa un copano a do remi. (partono)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License