Carlo Goldoni
Il negligente

ATTO SECONDO

SCENA OTTAVA   Lisaura sola

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Lisaura sola.

 

 

Giusti Dei, v'è nel mondo

Cotanta iniquità? V'è su la terra

Chi temerario ardisce

Rapir l'altrui con esecrando eccesso?

E lo soffrono i Numi? E stride invano

Il folgore di Giove?

Dove si cela, dove,

L'empio che il genitor tradire aspira?

Seco voglio sfogar lo sdegno e l'ira.

Ma no, femmina imbelle

Che dir, che far potrei?

Crudelissimi Dei,

Perché non mi è concesso

Potermi cimentar col viril sesso?

Farei veder ben io

Che ancor nel petto mio si cela un core

Di coraggio ripieno e di valore.

 

Tremo fra dubbi miei,

Pavento i rai del giorno;

Anche nel mio soggiorno

Mi turbo e mi confondo.

L'aure che ascolto intorno,

Mi fanno palpitar.

Nascondermi vorrei,

Vorrei scoprir l'errore,

Né di celarmi ho core,

core ho di parlar. (parte)

 

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License