Carlo Goldoni
Il negligente

ATTO TERZO

SCENA TERZA   Aurelia, poi Cornelio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Aurelia, poi Cornelio

 

AUR.

Vedrà, vedrà la stolta,

Quale sarà del simular l'effetto.

CORN.

Aurelia, ecco in un foglio

Assicurata alfin la nostra sorte.

AUR.

Adorato consorte,

Voi mi date la vita.

CORN.

Abbiam buscato

Trentamila ducati, e siamo in tre,

Diecimila de' quai toccano a me.

AUR.

Ora, se a me non riesce

Di carpirgli la dote,

Poco v'importerà.

CORN.

Nulla mi preme.

I diecimila li godremo insieme.

AUR.

(Buon per me. Filiberto

Ora meco è sdegnato).

CORN.

Che ne dite?

Son io di buona testa?

AUR.

Ma il denaro

L'avete ancora avuto?

CORN.

No, ma son qui venuto

Per farmelo contare.

AUR.

Fra tanto ci potressimo sposare.

CORN.

Ciò si fa facilmente. Ecco la mano.

AUR.

Accetto il dolce invito:

Tua consorte son io.

CORN.

Son tuo marito.

 

AUR.

Che bel contento è questo

Sposarsi qui fra noi!

Ma questa sera poi,

Cornelio, come andrà?

Oh che piacer, mio caro,

Oh che felicità!

(Se Filiberto è in collera,

Più non importa a me.

Qualcuno sempre c'è

Che fa la carità). (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License