Carlo Goldoni
L'osteria della posta

ATTO UNICO

SCENA SECONDA   Il Marchese e il Tenente

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Il Marchese e il Tenente

 

TEN. Allegri, Marchese. Voi che andate incontro alle nozze, dovreste essere più gioviale.

MAR. Dovrei esserlo veramente, ma mi tiene un poco in pensiero il non avere ancor veduta la sposa. Mi dicono che sia bella passabilmente, che sia gentile ed amabile, pure ho un'estrema curiosità di vederla.

TEN. Come vi siete indotto ad obbligarvi di sposare una giovane senza prima vederla?

MAR. Il conte Roberto di lei padre è un cavaliere di antica nobiltà, molto comodo, e non ha altri che quest'unica figlia. Egli ha molte parentele in Torino, ha una sorella alla Corte, ha degli effetti in Piemonte, i miei amici hanno pensato di farmi un bene, trattando per me quest'accasamento, ed io vi ho aderito, trovandovi le mie convenienze.

TEN. E se non vi piacesse?

MAR. Pazienza. Sono in impegno, tant'e tanto la sposerei.

TEN. Va benissimo. Il matrimonio non è che un contratto. Se c'entra l'amore, è una cosa di più.

MAR. Ma vorrei che c'entrasse.

TEN. Sì, ma per il vostro meglio non vorrei che l'amaste tanto. Conosco il vostro temperamento. Ne' vostri amori solete essere un poco geloso. Se l'amaste troppo, se vi piacesse moltissimo, voi avreste delle maggiori inquietudini.

MAR. Veramente non saprei dir io medesimo, se meglio fosse una sposa amabile con un pochino di gelosia, o una brutterella senza timori.

TEN. Volete ch'io vi dica, che cosa sarebbe meglio?

MAR. Quale sarebbe l'opinione vostra?

TEN. Il non avere sposa di sorte alcuna. Poiché, se è bella, piacerà a molti, se è brutta, non piacerà né agli altri, né a voi. Se è brutta, avrete un diavolo in casa; se è bella, avrete dei diavoli in casa e fuori di casa.

MAR. In somma voi vorreste che tutti vivessero alla militare.

TEN. Sì, e credo non ci sia niente di meglio al mondo. Oggi qua, domani ; oggi un amoretto, domani un altro. Amare, far la corte, servire, e a un tocco di tamburo, salute a chi resta, e buona ventura a chi parte.

MAR. E appena giunto ad un quartiere novello, innamorarsi subito a prima veduta.

TEN. Sì in un batter d'occhio. Se questa , che è qui alloggiata, è niente niente di buono, m'impegno farvi vedere come si fa ad innamorarla con due parole.

MAR. Tutto sta che vogliano compagnia.

TEN. E perché avrebbono da ricusarla?

MAR. Bisogna vedere di che umore è suo padre.

TEN. Gli parlerò io, m'introdurrò francamente. Faremo amicizia in un subito alla militare.

MAR. Ma, caro amico, non ci fermiamo qui troppe ore.

TEN. Gran premura è la vostra! Eppure, secondo ciò che mi avete detto, non vi aspettano a Milano che da qui un mese. Partiremo alle ventidue; viaggieremo di notte, e domani senz'altro sarete in tempo di sorprendere gentilmente la vostra sposa. Intanto, se volete riposare, andate nella nostra camera. Io voglio andare in cucina a vedere che cosa ci daranno da desinare, ed a sentire questo vino di Monferrato, che non vorrei ci corbellassero sulla fede. Nasca quel che sa nascere se avessimo anche da mangiar soli, quando vi è un buon bicchier di vino, non passeremo mal la giornata. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License