Carlo Goldoni
L'osteria della posta

ATTO UNICO

SCENA SESTA   Il Marchese solo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Il Marchese solo.

 

MAR. Oh cieli! in qual orribile confulsione mi trovo! Bello è il carattere della Contessa, poiché è fondato sulla base della più pura sincerità. Ma io mi veggio sul punto di essere da lei ricusato, e dopo averla veduta, e dopo la scoperta fatta del di lei talento e del di lei cuore, la perdita mi sarebbe più dolorosa. Ha detto liberamente, che s'io fossi quel tale, non ne sarebbe contenta. Vero è che mostrò di dirlo, per causa di un mio innocente trasporto, ma potrebbe con ciò aver colorita una maggiore avversione. Che fo io dunque? Mi scopro ad essa qual sono, o torno a Torino senza più rivederla? Ah, non so che risolvere. Ecco l'amico, chiederei ad esso consiglio, ma non mi fido intieramente della sua prudenza.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License