Carlo Goldoni
Ircana in Ispaan

L'autore a chi legge

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

L'autore a chi legge

 

Eccoti finalmente, Lettor carissimo, quella Commedia comunemente chiamata la Terza Ircana, in grazia delle altre due che precedono. Sono ormai tre anni, che si è sospeso il corso delle mie stampe, ed ora sono ammassati più Tomi che, a Dio piacendo, usciranno metodicamente un dopo l'altro alla luce. Gran parte vi ebbe in questa remora la malattia lunghissima ed indi la morte dell'onorato Editore Francesco Pitteri, che Dio Signore nella sua eterna Beatitudine pietosamente comprenda. Merita il di lui bellissimo cuore, e la illibatezza de' suoi costumi, che rimanga di lui onorevole memoria al mondo, per consolazione de' suoi Amici, e per esempio de' buoni. Egli ha sudato mai sempre per il decoroso stato di sua Famiglia, unica sollecitudine delle sue cure e delle sue incessanti fatiche. Non lasciò non pertanto d'interessarsi con vero amore per gli Amici suoi, ed io fra gli altri prove ho avuto costanti e vere della sua perfetta Amicizia, onestà e politezza. Abilissimo egli era nell'arte Libraia, e quantunque a fondo non instruito nell'arti e nelle scienze, sapea distinguere il buono, e conosceva dei libri qualcosa più del frontispizio e dei prezzi. Le protezioni, le aderenze, le amicizie ch'egli ha goduto in vita, onorano la sua memoria, e quanto fu egli amato e stimato vivendo, altrettanto fu compianta universalmente la di lui morte. Vive tuttavia il di lui nome non solo nel cuore e nella bocca de' suoi benevoli, ma nel negozio medesimo ch'ei dirigeva, continuandosi la Ditta, o sia Ragione medesima; e continueranno con questa anche le opere mie ad uscire dai Torchi.

Nulla dirò, Lettore carissimo, di questa Commedia che or ti presento. Ho detto di lei bastantemente nel produr la seconda. La fortuna ch'ella ebbe sopra le Scene, mi coraggio a sperarla gradita ancor nelle Stampe. Pregoti solamente volere un'altra volta considerare quanto sia malagevole impegno sullo stesso Argomento, e cogli stessi caratteri principali, condur tre azioni diverse; e prega il Signore per me, che m'avvalori la fantasia ormai stanca, ma pregalo di cuore, e non ridere, che or non è tempo.

 



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License