Carlo Goldoni
Ircana in Ispaan

ATTO PRIMO

Scena Nona. Alý e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Nona. Alì e detti

 

ALÌ Salvati, Machmut: Tamas, ti salva, amico.

Torna Osmano furente, di me, di voi nemico.

Fatima non consente mirar d'Alì consorte;

Lascia il campo e minaccia stragi, ruine e morte.

MACHMUT: Tardi ver lui mi volsi colla vendetta in mano.

Senza placarlo in prima, qui non si attenda Osmano.

Tornisi in Ispaan nelle paterne mura;

Figlio, fa che tua vita sia salva e sia sicura.

Alì, salvati meco; vieni tu pure, indegna. (ad Ircana)

Ah non so dir qual astro a tuo favor m'impegna.(parte)

ALÌ: Pria che qua giunga il duce, noi ricovrar ci giovi.

TAMAS: Deh vieni meco, Ircana; Osman qui non ci trovi.

IRCANA: Misera! in tale stato non so quel ch'io mi faccia.

Ho l'inimico a tergo. Vo alla rivale in faccia.

Ma in quelle soglie ancora, se al mio valor non manco,

Spero vedermi un giorno senza nemici al fianco.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License