Carlo Goldoni
Ircana in Ispaan

ATTO SECONDO

Scena Prima. Machmut, Tamas, Alý, Servi e Soldati

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO SECONDO

 

Scena Prima. Machmut, Tamas, Alì, Servi e Soldati

 

Stanza in casa di Machmut

 

MACHMUT: Voi, domestiche guardie, voi, militari armati,

Alle regie finanze dal Visir deputati,

E voi, servi miei fidi, pronti in ogni ardua impresa,

Di me, di queste soglie vegliate alla difesa.

Armi non mancheranno, non munizion da guerra;

Se l'inimico assale, cada il nemico a terra.

Parte di voi coll'armi formi nel centro un forte,

Altri i giardin difendano, altri le doppie porte.

Sieno appostati alcuni alle finestre, ai fori,

Respinti in ogni lato gli audaci assalitori.

Quadruplicato il prezzo avran da me guerrieri;

Premio prometto ai servi che pugneranno alteri;

E chi più franco e ardito l'armi trattar si vede,

Più generosa aspetti da me la sua mercede.

Agli armati che or sono all'uopo mio concessi,

I regi moschettieri si accoppieranno anch'essi;

E troveràforte difesa a noi d'intorno,

Che al campo, onde partissi, Osman farà ritorno.

Tamas, Alì, voi meco a vigilar restate:

Servi, amici, guerrieri, a prepararvi andate.

(partono i servi e i soldati)

Figlio, vedi a qual passo per te son io ridotto?

Per tua cagione Osmano vien da furor condotto.

Ti perdonai, non voglio render la pace amara;

Ma dall'esempio almeno a regolarti impara.

TAMAS: Conosco i falli miei, condanno i miei trascorsi;

In mezzo a' miei contenti mi turbano i rimorsi.

Scordati, per pietade, quanto potei spiacerti;

Rendimi il primo affetto.

MACHMUT: Perfido, non lo merti

TAMAS: Ah se così mi parli, se non rimetti il figlio

Nell'amor tuo primiero, torno al fatale esiglio.

Non so mirar del padre dubbio ver me l'aspetto;

Nel tuo cuor mi rimetti?

MACHMUT: Basta... Sì, ti rimetto.

Fa che un novel costume ogni tua colpa emendi.

TAMAS: Che della tua bontade grato mi mostri, attendi. (parte)

ALÌ: Degna del tuo bel cuore è la pietade offerta.

Chi del tuo amore abusa, i doni tuoi non merta.

Tamas che li conosce, Tamas intenerito

Da tua bontade estrema, è dell'error pentito

Quanto spiacer ti ha dato, preso da amor consiglio

Tanto piacer daratti. Sì, rasserena il ciglio. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License