Carlo Goldoni
Ircana in Ispaan

ATTO TERZO

Scena Prima. Osmano

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

Scena Prima. Osmano

 

Piazza con veduta della casa di Machmut in prospetto, con porta chiusa.

OSMANO alla testa di vari armati, sparsi qua e per la scena.

 

OSMANO: Sian le vie guardate, né giungami improvviso

Stuol da veruna parte senza opportuno avviso

Machmut si difende, il Re gli presta aita;

Ma vendicarmi io voglio a costo della vita.

E vo’ che la mia figlia di Machmut sia nuora,

O ch’egli unito al figlio paghi lo scorno e muora.

O Ircana trar io voglio fra lacci a suo dispetto,

O le trarrò col brando il cuor fuori dal petto.

forza del Divano, né del Sofì il comando

Potrà se non mi vendico, trarmi di pugno il brando.

SOLDATO: Signore, il gran Visire a te per quella via

Il Bey delle guardie a favellarti invia.

OSMANO: Venga, l’ascolterò. Non credo e non pavento

Che alcun voglia impedirmi il mio risentimento

Pensar dovrà il Sofì, pensar dovrà il Divano,

Ch’io dei Calmucchi e Tartari tengo il comando in mano,

E pria che lo deponga, davanti al regio piede,

Far posso, se m0impegno, tremar la regal sede.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License