Carlo Goldoni
Ircana in Ispaan

ATTO TERZO

Scena Nona. Machmut e Fatima

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Nona. Machmut e Fatima

 

FATIMA: Lo seguirò.

MACHMUT: T'arresta. Donna non lice intorno

Andar fra noi scoperta, lontan dal suo soggiorno.

Perdonasi il trasporto che uscir da quelle mura

Ti fece, per impulso d'affetto e di natura.

Torna all'albergo usato, torna all'amico tetto.

FATIMA: Non lo sperar se il padre...

MACHMUT: Errar non ti permetto.

FATIMA: Piacqueti ch'esponessi per te alla spada il seno;

Ora ch'io segua il padre non mi concedi almeno?

MACHMUT: No, Fatima, rammenta che il cuor mal ti consiglia.

Usa, non tel contendo, usa l'amor di figlia.

Del mio nemico io stesso, per compiacer te sola,

Procurerò lo scampo; ti do la mia parola.

In Ispaan, lo sai, può molto oro ed argento.

Dispor de' scrigni miei ti lascio a tuo talento.

Parlerò cogli amici, col ministero ancora;

Salvo sarà tuo padre, non dubitar ch'ei mora.

Calmati, ed obbedisci chi per te nutre in petto

Salda, verace stima, e sviscerato affetto.

FATIMA: Signor, tu mi consoli; sulla tua riposo.

MACHMUT: Eccolo il figlio mio.

FATIMA: Ecco con lui il mio sposo.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License