Carlo Goldoni
Ircana in Julfa

ATTO PRIMO

Scena Prima. Ircana, Bulganzar

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO PRIMO

 

Scena Prima. Ircana, Bulganzar

 

Viale de’ platani con veduta della città di Julfa con porta e ponte levatore. Sole che spunta

 

Ircana in abito virile sopra un sedile erboso, che dorme fra i platani. BULGANZAR che passeggia a poca distanza.

 

BULGANZAR: Quanto aspettar dovremo, che a Julfa apran le porte?

Quest’aria sul mattino pizzica troppo forte.

Per me poco mi cale, che ho le membra indurate;

Quest'aria in sul mattino pizzica troppo forte.

Per me poco mi cale, che ho le membra indurate;

Spiacemi per Ircana, che ha l'ossa delicate.

Povera disgraziata! poco non è che l'abbia

Il sonno ristorata in mezzo alla sua rabbia.

Tardano questa mane, mi par, più dell'usato

Gli Armeni ad escir fuori per irsene al mercato.

Vorrei, giacché venduta vuol essere costei,

Con qualche mercatante far presto i fatti miei,

Prima che dalla Corte la cosa si scoprisse,

E Tamas, o alcun altro, la femmina inseguisse.

Julfa, ove siam, due miglia è d'Ispaan distante,

Poco dall'altrui vista difendon queste piante.

Temo che se si avanza, e si fa chiaro il ...

Ma s'aprono le porte; gli Armeni eccoli qui.

Vo' per il suo vantaggio far tutto il poter mio;

Ma sopra un tal mercato vo' guadagnare anch'io.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License