Carlo Goldoni
Ircana in Julfa

ATTO TERZO

Scena Prima. Ircana sola

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

Scena Prima. Ircana sola

 

Giardino in casa di Demetrio con boschetto intrecciato d’alberi.

 

IRCANA Vado, non so in qual parte. M’aggiro e non so dove.

Per me tutti gli alberghi, tutte le vie son nuove.

Questo giardino i’ credo che a Demetrio appartenga .

Vorespirar quest’aure sola, pria ch’altri venga.

Sfogar vorrei col pianto il mio dolore estremo:

Ma piangere non so: quando mi dolgo io, fremo.

Suol essere comune al sesso nostro il pianto;

Son lacrime di donna sfogo,sollievo, incanto.

Ma a me perisca il mondo fra fiamme e tra faville,

Non mi vedrai di pianto bagnar le mie pupille.

Chi pianto non avrebbe, quando lo sventurato

Tamas testè partissi, da me a torto scacciato?

Così l’impegno mio, così volea l’amore:

E se non piangon gli occhi, piange di dentro il cuore.

Quando fine avran gli amori, qual fine avran gli sdegni?

Chi scioglierà di Tamas i vïolenti impegni?

Quanto durerà il fasto d’una rival persiana?

Quando sarà felice la sventurata Ircana?

Segua qualunque evento di me non mi confondo;

Favola sia il mio nome sul teatro del mondo.

Chi mi desia fortuna, chi a me brama ruine,

Faccia i suoi sforzi; e attenda delle avventure il fine.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License