Carlo Goldoni
Ircana in Julfa

ATTO TERZO

Scena Quattordicesima. Tamas, Alý

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quattordicesima. Tamas, Alì

 

ALÌ Inutil mi lusingo non sia la mia venuta.

Dite : trovaste Ircana?

TAMAS La trovai, l'ho veduta.

ALÌ V'ama ancora?

TAMAS Sì, amico.

ALÌ L'amate voi?

TAMAS L'adoro.

ALÌ Che pensate di fare?

TAMAS Senza il mio bene io moro.

ALÌ E la sposa?

TAMAS La sposa... ohimè, chi la conforta?

ALÌ Tamas, la sposa vostra; quell'infelice...

TAMAS È morta?

ALÌ No. La vorreste estinta?

TAMAS Nol merta, sventurata.

Che fu di lei?

ALÌ Pensate qual l'avete lasciata.

TAMAS Crudelissimo amico, voi mi svegliate in core

Il più fatal rimorso, il più funesto orrore...

ALÌ Fatima è saggia alfine; vede ogni forza vana

Per distaccarvi il core dalla rivale Ircana.

Più allo sposo non pensa; Tamas veder dispera;

Questo novello oltraggio par che la renda altera.

Quel che le punge il core è l'onta vergognosa

Di ritornar qual venne, senza il nome di sposa.

E il padre vostro istesso le il fiero consiglio

Di voler, vivo o morto, di Machmut il figlio.

TAMAS Morto m'avran; ragione hanno sulla mia vita

Un genitore offeso, una sposa tradita.

ALÌ Ma se il destino offrisse a Fatima infelice

Uno sposo novello?

TAMAS Ah, ch'io sarei felice.

Ma son vane lusinghe del tuo amor, del tuo zelo.

Tanta felicitade non mi promette il cielo.

ALÌ Tamas, chi sa? t'accheta, non disperar.

TAMAS Ma il padre

Di Fatima furente?

ALÌ Alle guerriere squadre

Allor che tu porgesti a Fatima la mano,

Si rese immantinente il vigoroso Osmano.

Nulla sa di tua fuga. Lungi è da noi gran tratto.

Pria che torni, v'è tempo; tentisi ad ogni patto.

TAMAS Tentisi. Ah se disciolto foss'io senza un delitto...

ALÌ Vado, amico, e m'attendi. Non vo' vederti afflitto.

Poni con alma lieta nella mia man tua sorte.

A riveder ritorno della città le porte.

Spera, pria che si spenga di questo giorno il sole;

Chi sa ch'io non ritorni, e il tuo dolor console?

Sì; risoluto i' parto, o di recarti aita,

O di venir io teco a terminar mia vita. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License