Carlo Goldoni
Ircana in Julfa

ATTO QUARTO

Scena Quinta. Ircana sola

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Ircana sola

 

IRCANA Tanta pietà ritrovo, tanto amor, tanto zelo?

Posso sperar secondo alle mie brame il cielo?

Non merto i sdegni suoi, rea di furor qual sono?

Ah dai Numi clementi merta il mio cuor perdono!

Io non m’elessi ardita d’amar giovine amante;

M’ha il mio destin condotta al mio signore innante.

E se regnar io sola bramai nel di lui core,

Colpa non è, ma zelo di virtuoso amore.

Strugger vorrei io stessa, strugger colle mie mani

I perfidi, lascivi serragli monsulmani,

In cui legge profana, per noi barbara e dura,

Tien le libere nate schiave contro natura.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License