Carlo Goldoni
Ircana in Julfa

ATTO QUARTO

Scena Undicesima. Ircana (sola)

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Ircana (sola)

 

IRCANA Qual tradimento orrendo! quale colpa ho commessa?

Perfida! in me punisci la colpa di te stessa.

Hai timor che si sappia il tuo scorretto amore,

E vuoi la morte mia, prezzo del tuo rossore.

L'uscio trovassi almeno; fra questi tetri orrori

Come trovar potrei la via per uscir fuori?

E se l'entrata è chiusa, chi può porgermi aita?

Misera sventurata! M'ha la crudel tradita.

Ho da morir qua sola di cruda fame, o al core

Giunger mi dee fra l'ombre la man d'un traditore?

Tamas, mio caro Tamas, senza vederti io pero;

E tu nella mia morte se' il mio dolor più fiero.

Morir, se il ciel destina, non forma il mio spavento,

Morir da te lontana è il mio solo tormento.

E in tempo, oh Dei! morire, che mi parea vicino

Il mio sposo, il mio bene, il mio dolce destino!

Meco serbato avessi quel ferro alla mia mano

Che libera mi rese dalle furie d'Osmano.

Ah nel spogliar le vesti, che avea virili intorno,

Lo celai, lo deposi. Funestissimo giorno!

Giorno in cui per vendetta di femmina inumana,

Fine avrà la memoria della misera Ircana.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License