Carlo Goldoni
Ircana in Julfa

ATTO QUINTO

Scena Seconda. Zulmira e Kiskia

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Seconda. Zulmira e Kiskia

 

ZULMIRA Kiskia, entrambe siam ree, dissimularlo è vano

Io tremo dello sposo, tu tremi del germano.

Se a lui le follie nostre vengono disvelate,

Punite ci vedremo, o almen mortificate.

Dunque pensar dobbiamo...

KISKIA Dite di più, cognata,

Se voi scoperta siete, sarete castigata,

Per l'attentato fiero di dare altrui la morte,

Dal giudice che rende giustizia in queste porte.

ZULMIRA Giudice degli Armeni sai ch'è un Armeno, e a sorte

È quel che or siede in Julfa, cugin di mio consorte.

KISKIA È ver, ma si conservano gli Armeni un tale impero,

Coi nazionali usando un rigor più severo.

Dubito di vedervi perir, cognata mia.

ZULMIRA Perirei, se ciò fosse, di Kiskia in compagnia.

KISKIA Io non tentai di vita privar la sventurata.

ZULMIRA Meco nel fatal loco foste voi pur trovata.

KISKIA Ma perché? Per amore; non so negarlo, è vero.

ZULMIRA Amor, quand'è schernito, odio diventa, e fiero.

KISKIA Io non l'odiai, non ebbi animo di vendetta.

ZULMIRA Foste veduta meco fra quell'ombre ristretta.

KISKIA Nel farmi rea con voi qual pro sperar potete?

ZULMIRA O con voi sarò salva, o meco perirete.

KISKIA Salvi entrambe la sorte; a voi mal non desio.

Tutto quel che far posso, farò dal canto mio.

Di me non dubitate, son donna, e sono umana;

Ma può cercar vendetta, può palesarvi Ircana.

ZULMIRA Toglierci sol potrebbe da tal dubbiosa sorte

Cercar più cautamente della schiava la morte.

KISKIA No, non parliam di morte. Prima tentar si può

Di vincerla coi doni, pregarla...

ZULMIRA Oh questo no.

In faccia di colei non mi vedrete umile.

Pria morir che discendere ad un'azionvile.

KISKIA Pria morir che pregare? Questo è un puntiglio vano

Pria di morire io prego tutto il genere umano.

ZULMIRA Eccola.

KISKIA E in ricche spoglie; donde può averle avute?

ZULMIRA Demetrio alla sua vaga le averà provvedute.

Vo' che m'oda l'ingrato, ragion vo' dell'affronto...

KISKIA Eh tacete, Zulmira, che vi tornerà conto.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License