Carlo Goldoni
Pamela maritata

ATTO PRIMO

SCENA QUARTA   Milord Artur ed il cavaliere Ernold

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Milord Artur ed il cavaliere Ernold

 

ERN. Oh, questa poi non l'ho veduta in nessuna parte del mondo! Miledi è un carattere particolare. Oh, se fosse qui un certo poeta italiano, che ho conosciuto in Venezia, son certo che la metterebbe in commedia!

ART. Cavaliere, se fosse qui quel poeta che conoscete, potrebbe darsi che si servisse più del carattere vostro, che di quello della virtuosa Pamela.

ERN. Caro amico, vi compatisco se vi riscaldate per lei; vi domando scusa, se sono venuto a interrompere la vostra bella conversazione. Un caso simile è a me successo in Lisbona. Ero a testa a testa con una sposa novella: sul punto di assicurarmi la di lei buona grazia, venuto è un Portoghese a sturbarmi. Dalla rabbia l'avrei ammazzato.

ART. Questo vostro discorso offende una dama illibata ed un cavaliere d'onore.

ERN. Milord, voi mi fate ridere. Se giudico che fra voi e Pamela vi sia dell'inclinazione, non intendo recarvi offesa; io che ho viaggiato, di questi amori simpatici ne ho veduti delle migliaia.

ART. Non potete dire lo stesso né di me, né di lei.

ERN. No dunque! Non lo potrò dire? Vi trovo soli in una camera; non volete ammetter nessuno; ella si sdegna, perché è sturbata; voi vi adirate, perché vi sorprendo, e ho da pensare che siate senza passione? Queste pazzie non le date ad intendere ad un viaggiatore.

ART. Capisco anch'io, che non si può persuadere del buon costume un viaggiatore che ha studiato solo il ridicolo degli stranieri.

ERN. So conoscere il buono, il ridicolo e l'impertinenza.

ART. Se così è, condannerete da voi medesimo l'ardito vostro procedere.

ERN. Sì, ve l'accordo; fu ardire il mio nell'inoltrare il passo qua dentro. Ma a bella posta l'ho fatto. Miledi sola potea ricusar di ricevermi; ma in compagnia d'un altro non mi dovea commettere un simil torto. La parzialità, che per voi dimostra, non è indifferente; io me ne sono offeso, e ho voluto riparare l'insulto con un rimprovero che le si conviene.

ART. Siete reo doppiamente: di un falso sospetto, e di un'azione malnata. Voi non sapete trattar colle dame.

ERN. E voi non trattate da cavaliere.

ART. Vi risponderò in altro luogo. (in atto di partire)

ERN. Dove e come vi piace.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License