Carlo Goldoni
Pamela maritata

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA   Milord Bonfil e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Milord Bonfil e detti.

 

BONF. Amici.

ART. Milord. (in atto di partire)

BONF. Dove andate?

ART. Per un affare.

BONF. Fermatevi. Vi veggo entrambi adirati. Posso saper la causa delle vostre contese?

ART. La saprete poi; per ora vi prego di dispensarmi.

ERN. Milord Artur non ha coraggio di dirla.

BONF. Cavaliere, voi mi mettete in angustia. Non mi tenete occulta la verità.

ERN. È sdegnato meco, perché l'ho sorpreso da solo a sola in questa camera con vostra moglie.

BONF. Milord! (ad Artur con qualche ammirazione)

ART. Conoscete lei, conoscete me. (a Bonfil)

ERN. Milord Artur è filosofo; ma non lo crederei nemico dell'umanità. Se avessi moglie, non lo lascierei star seco da solo a sola.

BONF. Da solo a sola, milord? (ad Artur)

ART. Amico, i vostri sospetti m'insultano molto più delle impertinenze del cavaliere. Chi ardisce di porre in dubbio la delicatezza dell'onor mio, non è degno della mia amicizia. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License