Carlo Goldoni
Pamela maritata

ATTO PRIMO

SCENA SESTA   Milord Bonfil e il cavaliere Ernold

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Milord Bonfil e il cavaliere Ernold

 

ERN. A rivederci. (a Bonfil, in atto di partire)

BONF. Fermatevi

ERN. Eh lasciatemi andare. Artur non mi fa paura.

BONF. Ditemi sinceramente...

ERN. Non mi mancacuore, né spirito, né destrezza.

BONF. Rispondetemi. (forte)

ERN. Io che ho viaggiato...

BONF. Rispondetemi. (più forte, con caldo)

ERN. A che cosa volete ch'io vi risponda?

BONF. A quello ch'io vi domando. Come trovaste voi milord Artur e Pamela?

ERN. A testa a testa.

BONF. Dove?

ERN. In questa camera.

BONF. Quando?

ERN. Poco fa.

BONF. Voi come siete entrato?

ERN. Per la porta.

BONF. Non mettete in ridicolo la mia domanda. Le faceste far l'imbasciata?

ERN. Sì, ed ella mi fe' rispondere, che non mi poteva ricevere.

BONF. E ciò non ostante, ci siete entrato?

ERN. Ci sono entrato.

BONF. E perché?

ERN. Per curiosità.

BONF. Per qual curiosità?

ERN. Per veder che facevano milord e la vostra sposa.

BONF. Che facevano? (con ismania)

ERN. Oh! parlavano. (con caricatura maliziosa)

BONF. Che dissero nel vedervi?

ERN. La dama divenne rossa, e il cavaliere si fece verde.

BONF. Divenne rossa Pamela?

ERN. Sì, certo; e non potendo trattenere lo sdegno, partì trattandomi scortesemente. Milord Artur prese poscia le di lei parti, ardì insultarmi, ed ecco nata l'inimicizia.

BONF. Deh sfuggite per ora di riscontrarvi.

ERN. S'io fossi in altro paese, l'avrei disteso a terra con un colpo della mia spada.

BONF. La causa non interessa voi solo; ci sono io molto più interessato, e la vostra contesa può mettere la mia reputazione al bersaglio. O sono falsi i vostri sospetti, o sono in qualche modo fondati. Prima di passare più oltre, mettiamo in chiaro una tal verità. Trattenetevi per poche ore, e prima ch'io non lo dica, favoritemi di non uscire da queste porte.

ERN. Bene: manderò intanto il mio servitore a prendere le mie pistole. Se niega di darmi soddisfazione, gli farò saltare all'aria il cervello. Io che ho viaggiato, non soffro insulti, e so vivere per tutto il mondo. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License