Carlo Goldoni
Pamela maritata

ATTO SECONDO

SCENA SETTIMA   Milord Artur e milord Bonfil

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Milord Artur e milord Bonfil

 

BONF. Sì, Pamela fu sempre mai lo specchio dell'onestà; voi avrete il merito di averla villanamente sedotta.

ART. Siete con essa ingiusto, quanto meco voi siete ingrato.

BONF. La vostra falsa amicizia non tendeva che ad ingannarmi.

ART. Le vostre indegne parole meritano di essere smentite col vostro sangue.

BONF. O il mio, od il vostro laverà la macchia dell'onor mio. (parte)

ART. Il cielo farà giustizia alla verità. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License