Carlo Goldoni
Pamela maritata

ATTO TERZO

SCENA QUATTORDICESIMA   Milord Bonfil, poi monsieur Longman

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Milord Bonfil, poi monsieur Longman

 

BONF. Guai a me, se mi trattenessi a pensarvi. Costei ha lo stesso poter sul mio cuore. I suoi sguardi, le sue parole avrebbero forza di nuovamente incantarmi. No, no, ho stabilito di ripudiarla. Ma troppo lungamente ho fatto aspettare nell'anticamera l'uffiziale del Segretario di stato. Non vorrei che se ne offendesse. Ehi. Chi è di ?

LONG. Signore. (viene da quella parte dov'è entrata Pamela, e viene asciugandosi gli occhi, mostrando di piangere)

BONF. Dite a quel ministro, che passi.

LONG. A qual ministro, signore? (come sopra)

BONF. Non vi è in anticamera un uffiziale della Segretaria di stato?

LONG. Sì, signore. (come sopra)

BONF. Che avete, che par che vi cadan le lagrime?

LONG. Niente. (come sopra)

BONF. Voglio saperlo.

LONG. Ho veduto piangere la povera mia padrona; compatitemi, non mi so trattenere.

BONF. Andate. Introducete quell'uffiziale.

LONG. Sì, signore. (Ha il cuore di marmo). (da sé, parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License