Carlo Goldoni
Pamela maritata

ATTO TERZO

SCENA ULTIMA   Il conte d'Auspingh e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA ULTIMA

 

Il conte d'Auspingh e detti.

 

CON. Eccomi, cara figlia, eccomi, adorato mio genero.

PAM. Oh tenerezza estrema! E quando mai sarò perfettamente contenta? Quando mai vi vedrò libero, senza il timore che vi accompagna?

CON. Signore, non le partecipaste l'arcano? (a Majer)

MAJ. No; diteglielo da voi medesimo. (al conte)

CON. Sì, figlia, mosso a pietà il ministro dell'età mia avanzata, de' miei passati disastri, e del mio presente dolore, superò i riguardi, e fecemi compitamente la grazia.

PAM. Oh Dio! a tante gioie non so resistere.

BONF. Oh giorno per me felice!

CON. Ringraziamo il cielo di tanta consolazione.

PAM. Ah sì, se fui contenta il giorno delle fortunate mie nozze, oggi sono più che mai consolata per la libertà di mio padre e per la quiete dell'animo ricuperata. Un gran bene non si acquista per solito senza traversie, senza affanni. La provvidenza talvolta mette i cuori a cimento per esperimentare la loro costanza, ma somministra gli aiuti alla tolleranza, e non lascia di ricompensare la virtù, l'innocenza e la sommissione.

 

Fine della commedia

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License