Carlo Goldoni
Pamela nubile

ATTO PRIMO

SCENA IX   Monsieur Villiome e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA IX

 

Monsieur Villiome e detti.

 

VIL. (entra senza parlare, s'accosta al tavolino; presenta due lettere a Milord. Egli le legge, e le sottoscrive, Villiome le riprende, e vuol partire)

MIL. (a Villiome) Segretario?

VIL. Miledi?

MIL. Che cosa sono quei fogli?

VIL. (parte) Perdonate, i segretarj non parlano.

MIL. (Sarà meglio che io me ne vada. A pranzo gli parlerò.) (si alza) Milord, addio.

BON. Che volevate voi dirmi?

MIL. È giunto in Londra il cavalier mio nipote.

BON. Sì? me ne rallegro.

MIL. Fra poco verrà a visitarvi.

BON. Lo vedrò volentieri.

MIL. Il giro d'Europa l'ha reso disinvolto e brillante.

BON. Ammirerò i suoi profitti.

MIL. (Parmi alquanto rasserenato. Voglio arrischiarmi a parlar di Pamela.) Ditemi, fratello amatissimo, vi siete ancora determinato a concedermi per cameriera Pamela? Che dite? Avete delle difficoltà? Pamela è una buona fanciulla; nostra madre l'amava, ed io ne terrò conto egualmente. Voi non ne avete bisogno. Una giovine come lei non istà bene in casa con un padrone che non ha moglie. Piuttosto quando sarete ammogliato, se vi premerà, ve la darò volentieri. Che ne dite, Milord? Siete contento? Pamela verrà a star meco?

BON. Sì. Pamela verrà a stare con voi.

MIL. Posso dunque andarla a sollecitare, perchè si disponga a venir meco?

BON. Sì, andate.

MIL. (Vado subito, prima ch'egli si penta.) (da , e parte)

BON. Questo sforzo è necessario alla nobiltà del mio sangue! Ah! che mi sento morire. Cara Pamela, e sarà vero che non ti veda più meco? (pensa un poco, e poi chiama) Ehi?

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License