Carlo Goldoni
Pamela nubile

ATTO PRIMO

SCENA XII   Milord Bonfil, poi Isacco

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA XII

 

Milord Bonfil, poi Isacco.

 

BON. Tutti amano Pamela, ed io non la dovrò amare? Ma il mio grado... Che grado? Sarò nato nobile, perchè la nobiltà mi abbia a rendere sventurato? Pamela val più d'un regno, e se fossi un re, amerei Pamela più della mia corona. Ma l'amo tanto, ed ho cuor di lasciarla? Mi priverò della cosa più preziosa di questa terra? La cederò a mia sorella? Partirò per non più vederla? (resta un poco sospeso, e poi dice:) No, no; giuro al cielo, no, no. Non sarà mai.

ISAC. Signore.

BON. Cosa vuoi?

ISAC. Vi è milord Artur.

BON. (sta un pezzo senza rispondere, poi dice): Venga. (Isacco parte) Non sarà mai, non sarà mai.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License