Carlo Goldoni
L'amante militare

ATTO PRIMO

SCENA QUINDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Camera in casa di Beatrice.

 

Don Garzia

 

GAR. Se torno di quartiere in questa città, Rosaura l’ha da scontare. Non son chi sono, se non la faccio piangere amaramente. Don Alonso mi ha ora leggermente ferito: ma può essere ch’io un’altra volta gli misuri la spada al petto. Pazzo, pazzissimo è don Alonso; egli s’innamora come una bestia, e pena nel distaccarsi dalle sue belle. Io all’incontro con quanto piacere acquisto un’innamorata, con altrettanta indifferenza la lascio. Ecco la mia padrona di casa, che si ad intendere d’aver il possesso di tutto il mio cuore. Ora è tempo di disingannarla.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License