Carlo Goldoni
Pamela nubile

ATTO TERZO

SCENA VIII   Monsieur Longman e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VIII

 

Monsieur Longman e dette.

 

LON. (esce guardando se vi è Milord) Pamela.

PAM. Signore.

LON. Partite?

PAM. Parto.

LON. Quando?

PAM. Questa sera.

LON. (sospira) Ah!

PAM. Pregate il cielo per me.

LON. Povera Pamela!

PAM. Vi ricorderete di me?

LON. Non me ne scorderò mai.

JEV. Monsieur Longman, le volete bene a Pamela?

LON. Madama, io l'amo teneramente.

JEV. Poverina! Prendetela voi per moglie.

PAM. Ah!

JEV. Che dite, Pamela? Lo prendereste?

PAM. Madama, perdonatemi, voi mi dite cose, alle quali non vi posso rispondere.

JEV. Eppure monsieur Longman...

LON. Zitto, madama, che se viene il padrone povero me.

JEV. Mi dispiace non averci pensato prima, ma siamo ancora a tempo. Pamela, ne parlerò a vostro padre. Che ne dite, monsieur Longman?

LON. Ah! madama Jevre, non so che dire.

JEV. Se Pamela parte, mi porta via il cuore.

LON. Ed io resto senz'anima.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License