Carlo Goldoni
Pamela nubile

ATTO TERZO

SCENA IX   Milord Bonfil e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA IX

 

Milord Bonfil e detti.

 

BON. Pamela?

PAM. Signore?

LON. (vuol partire senza dir nulla)

BON. (a Longman) Dove andate?

LON. Signore...

BON. Buon vecchio. (dolcemente) Pamela vi sta sul cuore?...

LON. Perdonate. (parte)

JEV. (piano a Pamela) (Il padrone mi sembra gioviale.)

PAM. (piano a Jevre) (Sarà lieto, perchè io parto. Pazienza.)

BON. Pamela, io vi ho mandata a chiamare, e voi non siete venuta.

PAM. Perdonatemi questa nuova colpa.

BON. Perchè quell'abito così succinto?

PAM. Adattato al luogo dove io vado.

BON. Perchè quel cappellino così grazioso?

PAM. Per ripararmi dal sole.

BON. Quando si parte?

PAM. Stasera.

BON. Non sarebbe meglio partir adesso?

PAM. (piano a Jevre) (Non mi può più vedere.)

JEV. (piano a Pamela) (Questa è una gran mutazione.)

BON. Jevre, preparate l'appartamento per la mia sposa.

JEV. Per quando, signore?

BON. Per questa sera.

PAM. (piano a Jevre) (Ora intendo, perchè ei sollecita la mia partenza.)

JEV. Un matrimonio fatto sì presto?

BON. Sì, fate che le stanze siano magnificamente addobbate. Unite tutte le gioje che sono in casa; e per domani fate che vengano de' mercanti e de' sarti, per dar loro delle commissioni.

PAM. (da ) (Io mi sento morire.)

JEV. Signore, perdonate l'ardire. Posso io sapere chi sia la sposa?

BON. Sì, ve lo dirò. È la contessa d'Auspingh, figlia di un cavaliere scozzese.

PAM. (da , sospirando) (Fortunatissima dama!)

BON. Che avete, Pamela, che piangete?

PAM. Piango per l'allegrezza di vedervi contento.

BON. Ah Jevre, quant'è mai bella la mia contessa!

JEV. Prego il cielo, che sia altrettanto buona.

BON. Ella è la stessa bontà.

JEV. (Povera Pamela! Or ora mi muore qui.)

BON. Sapete voi com'ella ha nome?

JEV. Certamente io non lo so.

BON. Non è ancor tempo che lo sappiate. (a Jevre) Partite.

JEV. Signore...

BON. Partite, vi dico.

PAM. Madama, aspettatemi.

BON. Ella parta, e voi restate.

PAM. Perchè, signore?...

BON. Non più; (a Jevre) obbeditemi.

JEV. (da sé) (Pamela mia, il cielo te la mandi buona.) (parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License