Carlo Goldoni
Pamela nubile

ATTO TERZO

SCENA XIII   Isacco, poi Miledi Daure, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA XIII

 

Isacco, poi Miledi Daure, e detti.

 

ISAC. Signore! Miledi Daure.

BON. Venga. (Isacco parte)

ART. Ella verrà a parlarvi per suo nipote.

BON. Viene, perchè io l'ho invitata a venire.

MIL. Milord, so che sarete acceso di collera contro di me, ma se voi mi mandaste a chiamare, non credo che l'abbiate fatto per insultarmi.

BON. V'invitai per darvi un segno d'affetto.

MIL. Mi adulate?

BON. No, dico davvero. Vi partecipo le mie nozze vicine.

MIL. Con chi?

BON. Con una dama di Scozia.

MIL. Di qual famiglia?

BON. De' Conti d'Auspingh.

MIL. Voi mi consolate. Quando avete concluso?

BON. Oggi.

MIL. Quando verrà la sposa?

BON. La sposa non è lontana.

MIL. Desidero di vederla.

BON. Milord, date voi questo piacere a Miledi mia sorella. Andate a prendere la contessa mia sposa; indi datevi a conoscere al di lei padre, e colmatelo di contentezza.

ART. Vi servo con straordinario piacere. (parte)

MIL. Ma come! Ella è in Londra, ella è in casa, ella è vostra sposa, ed io non so nulla di questo?

BON. Vi basti saperlo, prima ch'io le abbia data la mano.

MIL. Sì, son contentissima, purchè vi leviate d'attorno quella svenevole di Pamela.

BON. Di Pamela parlatene con rispetto.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License