Carlo Goldoni
Il paese della cuccagna

ATTO SECONDO

SCENA SETTIMA   Compagnone e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Compagnone e detti.

 

COMP.

Olà, che cosa fate?

E non vi vergognate?

PAND.

La sua moglie abbracciar non è vergogna.

COMP.

Ma farlo non bisogna

Così pubblicamente.

PAND.

(Lo faremo in segreto). (piano a Pollastrina)

POLL.

(Non temere;

Lo farem che nessun potrà vedere). (piano a Pandolino)

COMP.

Venite, Pollastrina,

Voglio mostrarvi il vostro appartamento.

POLL.

Vengo.

PAND.

Anch'io venirò.

COMP.

Con noi? Oh, signor no.

PAND.

Dunque non posso andar colla mia moglie?

Non intendo, signor, tal complimento.

COMP.

Ricordatevi il vostro giuramento.

PAND.

È ver, ma non vorrei...

POLL.

Marito, sciocco sei.

Se vuoi far il geloso,

Non son di quella pasta;

Sai che donna ch'io son, e tanto basta.

 

La donna onorata

Può andar dove vuole,

E in mezzo a un'armata

Sicura può star.

Ma quand'è di quelle

Che son sfacciatelle,

Non bastan cent'occhi

Per farle guardar;

chiavi, né funi

Le posson frenar. (parte per mano di Compagnone)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License