Carlo Goldoni
La pelarina

PARTE TERZA

SCENA SECONDA   Tascadoro in maschera da donna, e dette.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Tascadoro in maschera da donna, e dette.

 

TASC.

Maledetta paura,

A che mai mi riduci! E pur io voglio

Andar da Pelarina, anco al dispetto

Di colui che mandò questo biglietto.

PEL.

Chi mai è quella maschera che veggio?

VOLP.

Chiarirmi io vuò.

TASC.

Si può sentir di peggio?

Signor buffalo. (A me!) Se mai più in casa

Di Pelarina andar, e di guardarla

ardito tu sarai,

Con la vita l'ardir tu pagherai.

Il conte Campagnola.

PEL.

La mascheretta è Tascadoro.

VOLP.

Eh via.

TASC.

Chi mai creduto avria

Colei tanto infedel? Ma forse ancora

Non sa di questo Conte indiavolato.

PEL.

È desso, e sconcertato

Ora è il nostro disegno.

TASC.

Per schivar ogn'impegno

così son travestito; in questa guisa

Deludo il Campagnola, e vado a lei.

Chi sa? Forse potrei

Scoprir... Basta... se mai...

VOLP.

Un altro più bel colpo io già pensai.

Senti.

TASC.

Se alfin tradito è l'amor mio,

La mia roba vogl'io

Ricuperare almeno.

PEL.

Ma noi...

VOLP.

Vanne, trattienlo, usa con esso

Ciò che a te alcuna volta è intervenuto.

TASC.

Ma solo e senza aiuto...

Eh, sono donne alfine, e intimorirle

Saprò ben con l'orgoglio.

PEL.

(Farsi animo convien e uscir d'imbroglio).

TASC.

Si vada; in questo giorno

La vogliam veder bella.

PEL.

La ran, la ran, la ran, lan la ranlella.

TASC.

(Ohimè! Sono osservato:

Che fosse mai costui

Il sicario del Conte?)

PEL.

Mascheretta,

Cussì sola soletta?

TASC.

(Tremo tutto).

PEL.

A servirve, un galantomo

Pronto vu troveressi,

Si compagnia volessi.

TASC.

(Ora comprendo.

S'inganna).

PEL.

Respondème,

Occhietti bagolosi, e comandème.

TASC.

Oh buona!

PEL.

Che? seu muta?

Che vaga? Andemo insieme.

Si no volè vegnir all'ostaria,

Anderemo al caffè, alla malvasia.

TASC.

(Meglio! Ma da costui

Sbrigarmi io vuò). Pe' fatti vostri andate;

Io di quelle non son che voi cercate.

PEL.

(Che diavolo di voce

Per nascondersi ei fa!)

TASC.

Guardate che insolenza!

PEL.

Ah maschera, ve vedo:

A quella sottogola de alabastro,

A quelle ganassette delicate

una bella persona;

Ma si bella vu , siè mo anca bona.

TASC.

(Oh che imbroglio!) Partite,

Temerario che siete.

PEL.

(La voce s'è scordata).

TASC.

(Che feci?) Ehem ehem, son .

PEL.

(Che gusto!)

TASC.

(Volontier gli scoprirei

Che son uomo; ma poi per la mia vita

Io temo).

PEL.

A un cortesan della mia sorte

Sti torti no se fa: so la maniera

De trattar co le donne.

E si me cognoscessi,

D'averme refudà ve pentiressi.

TASC.

(Abito femminil, ti maledico;

Per te son nell'intrico).

PEL.

Eh andemo via, caretta:

No fe più la retrosa.

TASC.

Signor no, signor no, l'è ben curiosa.

PEL.

Si no vegnì con mi, gnanca con altri

Vu no anderè; da vu mi no me parto;

Magari in fin doman,

Magari in Inghildon, ve vegno drio.

TASC.

(Questa vi mancherebbe al caso mio). (esce)

VOLP.

Ah infame, desgraziada,

Mi te gh'ò pur trovada, e l'esser scaltra

Più no te giova adesso.

TASC.

(Eccone un'altra).

VOLP.

(Or sì ch'egli sta fresco).

PEL.

Siora maschera,

La me fazza giustizia: sta sassina

In ghetto za do mesi xe vegnuda,

E tanto la gh'à ditto, e tanto fatto,

Che sti abiti medemi

A nolo senza pegno ghe l'à dai

Mio zerman Menacai.

TASC.

O o o o oh!

VOLP.

El gonzo gh'à credesto...

PEL.

No me disè de più, za intendo el resto.

Mi credo che custia

Più tornada no sia,

L'abito per truffar e 'l nolo insieme.

TASC.

U u u u uh!

VOLP.

La l'à indevinada.

TASC.

Ah che vero non è...

VOLP.

Tasi, sfazzada.

 

Son giudio, son poveromo,

Da mosconi son perfetto;

Ma onorato galantomo,

La dimanda a tutto el ghetto,

De gabbar l'arte no so.

Sabadin e Semisson,

Siora Luna e siora Stella,

Giacudin e sier Aron,

Siora Lea, siora Gradella,

In t'un tratto

De sto fatto

Testimoni gh'averò.

 

PEL.

(Parmi che sia mia madre

Divenuta un giudeo).

TASC.

(Può avvenirmi di peggio

Ch'esser posto tra un bulo ed un ebreo?)

PEL.

Ah ladra!

TASC.

(Or se a scoprirmi

Tardo, costor di me faran strapazzo).

VOLP.

Giustizia.

PEL.

Poverazzo!

Me fe pecca, stè su,

Son qua tutto per vu; de consolarve

El sarà pensier mio;

Farò ben a sta truffa

De le so baronae pagar el fio.

TASC.

Eh, la va lunga assai: mirate entrambi

Che ingannati voi siete,

E che frenar dovete

L'insolenza che troppo or va avanzando.

(Già mi svelai. Giove, mi raccomando).

VOLP.

E tanto ardir...

PEL.

Tasè. Vu, donna matta,

Si megio no parlè, volè che fazza

De quella vostra mausa una fugazza

TASC.

A me donna!

VOLP.

Siben: no seu Pandora?

TASC.

Oh, che son uom non lo vedete ancora?

PEL.

Ti omo!

VOLP.

Anca de queste

Ti vorressi impiantar?

PEL.

Semio quaggiotti?

TASC.

La barba...

PEL.

Al sesto, al petto...

TASC.

I baffi...

VOLP.

A quel visetto...

PEL.

A la ose arzentina, a tutto el resto,

No se védela za?

TASC.

Ch'io sono donna?

PEL.

Chi pol negarlo mai?

TASC.

Oh questa sì che saria bella assai.

Or vedo ben che siete ambi d'accordo

A farmi disperar.

PEL.

Oe, parla meggio;

E no far che te daga

Tre righe de cortello

Su quella magnaora.

TASC.

Non v'adirate...

VOLP.

Semo galantomini,

Qua no ghe xe d'accordi, è vero el fatto

Che ti xe ladra.

TASC.

Ah tristo scellerato!

VOLP.

Sta indrio, si no a la pezzo

Mi meno zo.

PEL.

Via, che te averzo a mezzo.

 

TASC.

Per pietà, mio signore, la vita

Vi dimanda un meschin ginocchion.

Son in terra,

Con voi non vuò guerra;

Illustrissimo signor Aron,

Voi tenetelo per carità.

 

PEL.

Eh, che no gh'è più tempo.

TASC.

signor, che ve n'è.

VOLP.

Giustizia.

PEL.

Adesso

Vederè si so far la parte mia.

TASC.

(Era pur meglio andar all'osteria).

PEL.

Anemo, bella putta...

TASC.

Eh via...

PEL.

Respetto, digo,

Si no, come i salai te taggio in fette.

TASC.

Son putta, sì signor: ma che volete?

VOLP.

Che ti me rendi adesso

Sti abiti truffai

Al gramo Menacai.

TASC.

Ma, illustrissimo Ebreo,

Lei sbaglia in verità: questi vestiti

Mi prestò mia sorella

Olimpia, poco fa.

PEL.

(Questa è più bella).

TASC.

Signor...

VOLP.

Via, tasi : no la ghe creda,

Ghe zuro...

PEL.

Eh che non dubito.

Dàgheli, o te sbasisso.

VOLP.

}a due

Eccoli subito.

PEL.

 

(Che rabbia!) Prendi sì, ma un giorno... basta...

(Oh amor! Oh Pelarina,

Quanto costate a me!)

PEL.

(Che figurina!)

TASC.

Or dove mi nascondo?

PEL.

Olà, fermeve,

Che ve gh'ò da parlar.

TASC.

Le mie sventure

Non ancor son finite?

VOLP.

Grazie, grazie infinite

A ella, siora maschera, ghe rendo,

Che la m'ha fatto dar la roba mia,

E la fa che culia vaga a radicchi:

Per vita mia un regalo

Mandar ghe vogio de pastei bruicchi.

TASC.

Possibile che ancora

Si voglia ch'io sia donna?

PEL.

Oibò; adesso vu sior Tascadoro.

TASC.

Come! mi conoscete? (Oh mia vergogna!)

PEL.

(Che piacere è mai questo!)

VOLP.

Presto, figliuola, presto,

Il signor Conte attende...

TASC.

Che!

PEL.

Aspetti, io non ho fretta.

TASC.

Oh diavolo!

VOLP.

}a due

Ah ah, la mascheretta.

PEL.

TASC.

Pelarina crudele,

Di tanti doni in premio

Ridurmi in questo stato?

Questo dunque è l'amor?...

PEL.

Stai ben burlato.

Mirate il bel galante,

L'adorabile amante!

TASC.

Ah, la rabbia m'accora!

VOLP.

Signora Tascadora,

Or v'uscirà dal capo la pazzia

Di dameggiar.

TASC.

Voglio la roba mia.

PEL.

Eh, vanne alla malora!

TASC.

Tal non parlavi allora

Che mi parlasti; or che rubato m'hai,

Io griderò altamente,

Finché mi renderai...

VOLP.

}a due

Taci, insolente.

PEL.

TASC.

Soccorso, aiuto, o genti,

Amici miei, parenti,

Rubato,

Fracassato

Son io, pietà, pietà.

PEL.

Se chiamo il Conte a basso...

TASC.

Amici...

VOLP.

Questo chiasso

Finir ei ti farà.

PEL.

Sarai ben bastonato.

TASC.

Aiuto!

PEL.

Dai al matto.

VOLP.

Stè salda, siora Lea.

TASC.

Di razza vera ebrea

Voi siete, già si sa.

PEL.

Di' pur ciò che vuoi,

Spazzarti ora puoi

La bella bocchina.

VOLP.

Non è Pelarina

Boccone per te.

TASC.

Streghe, ladre, ribalde, assassine.

PEL.

}a due

Matto, porco, baron, mascalzone.

VOLP.

TASC.

A lasciarvi pelar dalle donne

Imparate, corrivi, da me.

VOLP.

Vegnì, sior Aron.

PEL.

Via, Conte, corrè,

Sbasilo, sbuselo.

TASC.

La roba truffata

Colui mangerà.

VOLP.

}a due

Ah lingua sfacciata!

Briccon, via di qua.

PEL.

 

Fine dell'Intermezzo.

>


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License