Carlo Goldoni
Le pescatrici

ATTO PRIMO

SCENA QUARTA   Lesbina sola

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Lesbina sola.

 

 

Povero Frisellino,

Avrò di lui pietà, ma non per questo

Di tentar altre prede ancor m'arresto.

Quanto vivere suole

Pesce dell'acqua fuore,

Tanto suole in un cor viver l'amore.

Ed io perché pavento

Spenti d'un cor gli ardori,

Vuò nel mare d'amor pescar più cuori.

Ma vuò, giacché son sola,

Terminar la mia rete.

Per esser più stimata

Voglio farmi vedere a lavorare,

E voglio divertirmi un po' a cantare. (siede, lavora e canta)

 

Un pescatore me l'ha fatta brutta,

Ha fatto disperare mia sorella.

La poverella

Non par più quella,

La si martella

La notte e il .

Il traditore, oimè, me l'ha distrutta,

E piange notte e giorno, meschinella.

La poverella

Non par più quella,

La si martella

La notte e il .

Un pescatore, (s'alza)

Ch'è tutto amore,

No del mio core

Non fa così. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License