Carlo Goldoni
Le pescatrici

ATTO PRIMO

SCENA SESTA   Mastricco solo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Mastricco solo.

 

 

Eurilda, Eurilda mia,

Se l'origine tua nota a te fosse,

Direi che tu disprezzi

De' vili pescator gli amori abietti,

Perché brama il tuo cor nobili oggetti.

Ma se, ignota a te stessa,

Qui 've fosti allevata,

Credi ancora esser nata, e se mi chiami

Con il nome di padre, ah perché mai

Non s'accendon d'amore i tuoi bei rai?

Temo il morir vicino,

Tremo del tuo destino... - Ma qual gente

Approda a questo lido?

Vengano pur; qui d'amicizia è il nido.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License